Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto 12 Come possiamo vedere questo modello propone una situazione comunicativa abbastanza semplice. La fonte dell’informazione emette un messaggio che viene codificato in un segnale attraverso un apparato trasmittente. Il segnale viaggia attraverso un canale, lungo il quale può essere disturbato da un rumore e arriva ad un apparato ricevente che provvede a decodificarlo rendendolo disponibile al destinatario. In questo processo il contenuto informativo rimane sostanzialmente identico dalla fonte al destinatario poiché le operazioni di codifica e decodifica del trasmittente e del ricevente sono attività inverse ma equivalenti. Ciò è reso possibile da una comunanza di codice che rimane lo stesso in tutto l’arco comunicativo permettendo una manipolazione univoca del messaggio che non lascia spazio ad eventuali errori di codifica e decodifica. I problemi che il modello pone sono veramente pochi. Se si considera il rumore come un semplice accidente tecnico che può essere ridotto con un affinamento dei supporti tecnologici usati, il messaggio non trova alcuna resistenza significativa nell’atto comunicativo. E la semplicità astrattiva con cui le varie parti trovano una loro coerenza all’interno dello schema non fa altro che sostenere e giustificare questa supposta linearità della comunicazione; il modello informazionale trova la propria attendibilità più nei problemi che riesce a evitare che in quelli che riesce a risolvere: i complessi e variegati aspetti della comunicazione umana (sia essa mediata o in una situazione di compresenza) risultano in questo modello fortemente semplificati e ridotti a uno schema in sé troppo lineare e meccanico per rappresentare efficacemente il mondo della significazione. Fonte di informazione Trasmittente Ricevente Rumore Destinatario Segnale

Anteprima della Tesi di Federico Bettello

Anteprima della tesi: I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Bettello Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2570 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.