Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione tra una banca on line ed una rete di promotori finanziari, il caso Xelion

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Xelion : l’integrazione tra una virtual bank e una rete di Promotori Finanziari Master in gestione dei Servizi 3 Edizione Modena 17/12/2003 Cesare Carlini 4 Lo sviluppo orizzontale del portafoglio clienti, attraverso l’acquisizione di nuova clientela, tanto nelle zone tradizionalmente presidiate quanto in quelle di nuova espansione, nelle quali l’azione del PF può efficacemente affiancare e anche anticipare la presenza degli sportelli. L’assistenza e la consulenza ai clienti, per consolidarne la fedeltà con un rapporto continuo e realmente personalizzato. Lo sviluppo di clientela marginale ma d’alta potenzialità o di clientela attiva su una gamma ristretta di servizi offerti. Lo sviluppo commerciale di specifiche tipologie di prodotto o di particolari segmenti di mercato (territoriali o di cliente), o comunque il presidio d’aree complementari a quelle assegnate alla competenza degli operatori di sportello. Tutte le Sim costituite agli inizi del decennio scorso si sono trasformate in banche, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie che consentono la fruizione dei servizi bancari anche in assenza di sportelli, e continuano a presidiare il territorio attraverso reti di PF; il mercato si è andato concentrando e più della metà dei circa cinquantamila promotori attivi opera per conto delle prime sei società. Queste banche atipiche hanno poi voluto avere una presenza fisica che assomiglia sempre di più a quella della rete di sportelli, sono così nati i “negozi finanziari”, ossia uffici dei PF, spesso dotatati di bancomat, più piccoli ma spesso più accoglienti degli sportelli tradizionali, in cui manca solo il servizio di cassa. Spesso sono gestiti a metà tra la casa mandante e gli agenti, nel senso che parte delle spese sono a carico dei promotori, in alcuni casi si è addirittura affermato il modello del Franchising. Le banche più piccole, invece, hanno creato reti dirette, spesso utilizzando il PF nelle zone in cui non sono presenti con lo sportello bancario, e, comunque, in molti casi destinando degli spazi per il promotore all’interno delle proprie filiali.

Anteprima della Tesi di Cesare Carlini

Anteprima della tesi: Integrazione tra una banca on line ed una rete di promotori finanziari, il caso Xelion, Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Cesare Carlini Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1404 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.