Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La microfinanza nei paesi post-comunisti: il caso della Polonia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

....(continua) VII da una diffusa corruzione e dalla mancanza di possibilità di trovare impieghi migliori per i lavoratori più anziani e meno competenti. La povertà non ha solo colpito la popolazione a livello economico, ma ha avuto un grande impatto anche a livello psicologico e motivazionale. I normali schemi di vita, invariati da decenni, sono stati improvvisamene distrutti e la gente, abituata a ricevere tutti i più indispensabili servizi dallo stato e a ripetere la stessa routine lavorativa senza variazioni, si è trovata impotente di fronte ad una trasformazione che rendeva le conoscenze e abilità acquisite, totalmente irrilevanti ed inutili. Più colpiti sono stati i lavoratori delle imprese statali ristrutturate e i contadini, naturalmente insieme alle loro (spesso numerose) famiglie, specialmente se abitanti di zone rurali. Il mercato del lavoro è stato forse quello che ha subito le più profonde trasformazioni. Quattro sono stati i maggiori fenomeni verificatesi durante il periodo di transizione (peraltro non ancora concluso): 1) un sostanziale aumento della disoccupazione e della sua durata; 2) una significativa riduzione nei tassi di occupazione e trasformazioni nel collocamento settoriale della popolazione occupata (spostamento dal settore industriale e agricolo alla fornitura di servizi); 3) una rapida crescita del settore privato e 4) remunerazioni crescenti per livelli educativi più elevati e le competenze professionali più alte. Nei paesi est-europei la riorganizzazione industriale ha fatto sentire i suoi effetti soprattutto sul piano occupazionale, mentre nell’area dell’ex Unione Sovietica l’impatto maggiore si è avuto a livello salariale con retribuzioni ridotte anche del 50%, se non addirittura non pagate per mesi. Attualmente la struttura occupazionale dell’area europea centro- orientale è contraddistinta da un settore agricolo impiegante un eccessivo numero di lavoratori (oltre il 20% degli occupati), da un settore terziario ancora sotto-sviluppato, dominato dal commercio al dettaglio e dalle riparazioni, e da un comparto industriale dove prevalgono le aziende manifatturiere. In generale, gli stati implicati hanno cercato di porre un freno ai crescenti inconvenienti economici e sociali causati dal processo di transizione, ma spesso le politiche adottate si sono rivelate armi a doppio taglio, miopi ed inadeguate, miranti a ridurre le manifestazioni dei fenomeni di povertà e disoccupazione piuttosto che ad estirparne le cause. I paesi dell’Europa centrale si sono principalmente concentrati sulla distribuzione di benefici monetari ai gruppi sociali più colpiti: disoccupati e anziani. I generosi, e spesso non ben calibrati, sussidi di disoccupazione e le prodighe pensioni hanno non solo indotto al ritiro dall’occupazione i lavoratori ormai maturi, ma hanno pure disincentivato la popolazione senza lavoro a ricercarne uno nuovo con tutte le proprie forze. Inoltre, il peso di trasferimenti di tale portata si è fatto sentire non solo sulle casse statali, ma anche sui cittadini occupati, costretti a sopportare elevati livelli di tassazione e ingenti prelievi sui propri salari.

Anteprima della Tesi di Paola Caruso

Anteprima della tesi: La microfinanza nei paesi post-comunisti: il caso della Polonia, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paola Caruso Contatta »

Composta da 268 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1622 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.