Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Era una notte buia e tempestosa. Società, valori e cultura nei Peanuts

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 L’utopia è l’altrove entro cui l’uomo riflette sul mistero delle proprie radici, sulle regole e la struttura su cui si regge la società in cui vive: quale migliore metafora, per incarnarla, se non la condizione in cui versa l’infanzia, la sua alterità, il suo essere in stretta relazione con la natura, il suo doversi rappresentare in una realtà estranea con cui venire a patti? «A momenti questa città mi sembra una fossa dell’inferno e a momenti, invece, un giardino del Paradiso Terrestre. […]…non so pensarla se non come una Tule irraggiungibile, fatta solo di memoria» 7 , sostiene Elsa Morante, e ragionare sull’infanzia vuol dire, allora, interrogarsi sulla presenza in sé delle remote e sconosciute origini intorno cui costruiamo utopie, per sopravvivere e dare senso alla nostra vita. La letteratura per l’infanzia pullula di dimensioni in cui i bambini, giocando, drammatizzano e reinterpretano la realtà degli adulti che trovano, per lo più, scialba e insensata. Così Peter (Barrie stesso ammette che non è un semplice bambino) è l’infallibile sovrano che comanda perfino il sole dell’Isola-che-non-c’è, Tom Sawyer e Huckleberry fuggono e giocano ai pirati nell’isola di Jackson, i protagonisti de La guerra dei bottoni di Luis Pergaud combattono nel bosco vicino ai loro paesi, e i ragazzi de L’età d’oro di Kenneth Grahame incontrano personaggi fiabeschi nel giardino e nelle stanze buie della casa dei loro zii. Isole, boschi, giardini, case piene di stanze, case sugli alberi, sono tutti luoghi in cui l’infanzia vive una dimensione separata ed estranea e dove ritrova il tempo per crescere. Raramente possono accedervi gli adulti, vi scoprono la felicità, ma devono pagare con la malinconia e, a volte, perfino con la vita il proprio privilegio. Ancora Elsa Morante ne descrive bene gli effetti: ««Qua non si ammettono passeggeri, se non clandestini o espatriati illegali. Indietro!» 7 E. MORANTE, Menzogna e sortilegio, Einaudi, Torino, 1949

Anteprima della Tesi di Elena Massi

Anteprima della tesi: Era una notte buia e tempestosa. Società, valori e cultura nei Peanuts, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elena Massi Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8208 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.