Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Era una notte buia e tempestosa. Società, valori e cultura nei Peanuts

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Nella letteratura, delinea un rapido percorso che parte dal “fresco” e “semplice” fanciullo delle Microsmographie di John Earle (1628), e arriva fino alle fiabe, dai fratelli Grimm con la figura dello sciocco saggio, ad Andersen con I vestiti nuovi dell’imperatore. Alle sofferenze dell’infanzia di William Blake e Wordsworth, contrappone “La Crociata dei fanciulli” descritta da Sir Aubrey de Vere, che invece declama che i bambini sono la forma più alta di Paradiso in terra. Conclude con l’innocenza di una bambina che conquista una belva feroce, cantata da Victor Hugo; col candore capace di redimere e di riconoscere la verità, descritti nel Silas Marner di George Eliot, che «tutti gli americani hanno dovuto leggere a scuola», e con i piccoli eroi come Pel di Carota di Renard, o Edward e Harold de L’età d’oro di Kenneth Grahame. Analizza, poi, come, fin da S. Agostino, si è potuta concepire la storia dell’umanità mediante la metafora delle età della vita, e come, con la legge di ricapitolazione, la stessa metafora sia stata utilizzata per spiegare lo sviluppo embrionale degli individui delle diverse specie e, insieme, dai positivisti a Freud, per descrivere i diversi tipi di società umane. Si sofferma sul fanciullo genio di Schopenhauer, che poteva guardare se stesso con perfetta oggettività perché possiede un intelletto non ancora diventato schiavo della volontà; su Norman O. Brown che, in Life against Death, denuncia l’educazione come forza repressiva e indica nel ritorno all’infanzia un’insopprimibile meta dell’uomo; sulla Poesia ingenua e sentimentale di Schiller e sul Über Kunst di Rainer Maria Rilke, che eleggono il fanciullo unico, autentico poeta che si perde, come un oggetto sacro, nella crescita. Cita Ellen Key: «Il desiderio di conoscenza –dice Ellen Key (p.203)- la capacità di agire di propria iniziativa, il dono dell’osservazione, tutte le qualità che il fanciullo porta con sé andando a scuola, sono, di regola, scomparse alla fine del periodo scolastico».

Anteprima della Tesi di Elena Massi

Anteprima della tesi: Era una notte buia e tempestosa. Società, valori e cultura nei Peanuts, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elena Massi Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8208 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.