Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fair market value d'impresa: un'analisi delle determinanti economiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.2 La determinazione del Fair Market Value La Revenue Ruling 59-60 prevede ulteriori sette sezioni di seguito alla seconda fin qui analizzata. L’intento si sposta ora dall’analisi della mera definizione e delle sue determinanti al chiarimento di aspetti più pratici necessari per una corretta stima. Viene innanzi tutto affermato un concetto di valenza generale, più che relativo al solo Fair Market Value, per la conduzione di una valutazione. Questa non dovrà prescindere dal considerare le numerose circostanze di ciascun caso analizzato non esplicitamente previste dalle formule utilizzate, non essendo immaginabile una formula assoluta che comprenda ogni possibile sfumatura riscontrabile nei casi concreti 7 , lette sotto la luce critica di common sense, informed judgment e reasonabless 8 . Il primo posto a contraltare della inevitabile soggettività che minaccia la validità di ogni valutazione, gli altri due come necessari supporti ad esso. In particolare il Fair Market Value sarà influenzato dalle più generali condizioni economiche e, di conseguenza, dal sentiment degli investitori che scontano in anticipo quelle attese per il futuro. L’incertezza stessa, come il grado di rischio legato allo specifico business, assumendo realisticamente un contesto di investitori avversi al rischio, è un fattore determinante da considerare nella valutazione, quanto mai influenzato dalla soggettiva emotività dell’appraiser. Vengono di seguito ribaditi i concetti, ben conosciuti, secondo i quali la valutazione è per sua natura prophecy basata su stime sul futuro più che su dati storici e il mercato, aggiungendo: sotto alcune condizioni, riflette la migliore 7 E’ ben nota la domanda “Valuation: science or art?”. Altrettanto nota è la risposta. 8 “The Critical three factors” secondo Mercer, Fair Market Value vs. the Real World, 1999 12

Anteprima della Tesi di Francesco Pavarini

Anteprima della tesi: Fair market value d'impresa: un'analisi delle determinanti economiche, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Pavarini Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2533 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.