Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'insider trading: la realtà italiana a confronto con le principali realtà estere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 fenomeni di internazionalizzazione, globalizzazione, despecializzazione dei mercati, strumenti e intermediari non implicano automaticamente un aumento del patrimonio informativo per tutti i partecipanti. La quantità e qualità dell’informazione sono diventate più rilevanti degli standards di capitalizzazione o dei ratios tra prezzi e rendimenti. Da qui deriva una crescita dei rischi generalizzati di comportamenti scorretti nell’utilizzo delle informazioni rilevanti. Già nel 1990 Henry Markowitz, premiato con il Nobel per quarant’anni di studi sulla Portfolio Theory 1 , ricordava come “la competizione fra i mercati mondiali si gioca sull’informazione”. A supporto di tale conclusione numerose ricerche dimostrano che i mercati che favoriscono la diffusione del maggior numero possibile di dati sulla gestione finanziaria delle aziende sono premiati con una maggiore capitalizzazione. Tutto ciò vale a sottolineare come il nesso tra informazione e mercati sia di estrema attualità. L’efficienza informativa è un pre-requisito del funzionamento del mercato, perché la capacità degli investitori di allocare correttamente il denaro è condizionata dalla quantità e qualità delle informazioni loro trasmesse dalle società che fanno appello al pubblico risparmio. In considerazione del fatto che i destinatari dell’informazione societaria non sono solo gli investitori ma anche le imprese concorrenti, il fisco e gli eventuali interessati ad offerte di acquisto, fa sì che le società non abbiano uno spontaneo interesse ad assicurare la loro assoluta trasparenza. La consuetudine delle società di impedire una limpida formazione delle quotazione dei titoli ha indotto gli investitori ad esigere uno sconto sul “giusto” prezzo che serve a compensare l’opacità del mercato, ma, 1 Vedi BALDASSARRI, BAGELLA, PAGANETTO, “Financial Markets”, New York, Palgrave 2001.

Anteprima della Tesi di Paolo Maggiore

Anteprima della tesi: L'insider trading: la realtà italiana a confronto con le principali realtà estere, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Maggiore Contatta »

Composta da 243 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3591 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.