Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione nelle imprese di assicurazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 La fase successiva a quella di gestione del portafoglio è quella legata all’erogazione della prestazione prevista dal contratto. L’erogazione della prestazione, nel caso del ramo danni, costituisce solo una fase eventuale 8 , in quanto questa si concretizza soltanto nel caso di avvenimento dell’evento previsto nel contratto e prevede tre distinte fasi: ξ denuncia del sinistro: in cui la compagnia prende in carico il sinistro; ξ valutazione del danno: in cui la compagnia, tramite una perizia, valuta l’entità del danno da risarcire; ξ liquidazione: in cui la compagnia esegue la prestazione assicurativa, il pagamento del sinistro. Nella realtà operativa delle aziende di assicurazione, dalla denuncia dei sinistri alla loro effettiva liquidazione intercorre un lasso di tempo, la cui ampiezza varia in funzione di problematiche fisiologiche di carattere organizzativo e della complessità del danno da risarcire. Altre due fasi del processo di gestione tecnico-assicurativa sono rappresentate dalla riassicurazione e dalla coassicurazione. Nel processo produttivo delle imprese di assicurazione, la riassicurazione può assumere due diverse forme: ξ riassicurazione passiva; ξ riassicurazione attiva. La riassicurazione passiva consiste nella cessione, da parte di una compagnia di assicurazioni (cedente), di una quota di rischi assunti ad un’altra compagnia (cessionaria) al fine di raggiungere o mantenere l’equilibrio desiderato. 8 “Nel ramo vita, solo alcune forme assicurative denotano questo carattere di eventualità (temporaneo caso di morte o caso di sopravvivenza), in quanto nel caso di formule miste l’evento (morte o sopravvivenza) si manifesterà sicuramente, rimanendo incerto, nell’intervallo di tempo coperto, solo il momento della verificazione dell’evento”. DI CAGNO N. - AMATO S., Amministrazione e controllo delle imprese di assicurazione, Giappichelli Editore, Torino, 2000, pag. 151

Anteprima della Tesi di Cristiano Torresi

Anteprima della tesi: Il controllo di gestione nelle imprese di assicurazione, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristiano Torresi Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18775 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 65 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.