Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione nelle imprese di assicurazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 Gli investimenti effettuati nell’ambito dello svolgimento della gestione patrimoniale-finanziaria, possono essere suddivisi in: ξ valori immobiliari; ξ titoli a reddito fisso; ξ titoli a reddito variabile; ξ valori monetari. Nell’ambito della gestione patrimoniale-finanziaria, le singole alternative di investimento devono essere valutate in termini di: ξ liquidità: intesa come l’attitudine di un investimento a trasformarsi tempestivamente ed economicamente in denaro; ξ redditività: in termini di capacità di un investimento di produrre frutti nel tempo; ξ sicurezza: intesa come l’attitudine di un investimento a mantenere intatto il proprio valore nel tempo. Al fine di condurre in maniera efficiente la gestione patrimoniale-finanziaria, si rende necessario tenere distinti i flussi provenienti dal ramo danni da quelli del ramo vita 9 . Il ramo danni è caratterizzato da un ciclo dalla durata abbastanza breve e incerta, il che implica la necessità preferire gli aspetti di redditività a breve e di liquidità nella fase di investimento di flussi finanziari rivenienti da questo ramo. Il ramo vita, invece, presenta un ciclo economico più lungo e più facile da prevedere rispetto al ramo danni, con la conseguenza che, nel valutare le singole alternative di investimento, sarà opportuno dare una maggior importanza agli aspetti della redditività a lungo termine e della sicurezza. 9 La legge impone che l’esercizio congiunto dei rami , avvenga tenendo separata la gestione e la contabilità degli stessi. Per le imprese autorizzate ad operare successivamente al 15/3/1979, in seguito al recepimento delle Direttive CEE di prima generazione, vige il cosiddetto “principio della specializzazione”, in base al quale è vietato l’esercizio congiunto dell’attività assicurativa nei rami danni e nei rami vita (art. 5 D.lgs n. 174/95 e art. 7 D.lgs n. 175/95). Per le imprese autorizzate ad operare in entrambi i rami , precedentemente a tale data, è invece consentita la prosecuzione dell’esercizio congiunto, purché vengano tenute separate le gestioni a livello finanziario e patrimoniale.

Anteprima della Tesi di Cristiano Torresi

Anteprima della tesi: Il controllo di gestione nelle imprese di assicurazione, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristiano Torresi Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18775 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 65 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.