Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Questo spostamento del centro di potere è spiegabile proprio a partire dal fatto che il primato nella realtà contemporanea pare spetti alle immagini: in questo contesto a prevalere è il visibile sull’intelligibile, il vedere sul capire. Nel corso di questo capitolo si farà pertanto riferimento all’aspetto culturale di tale spostamento dove la propaganda si sostituisce all’azione. Le principali fonti teoriche che strutturano questo capitolo derivano dai saggi di Giovanni Sartori, Max Weber, Walter Lippmann. Dopo aver analizzato il mutamento sociale e politico innescato delle nuove forme di comunicazione, lo studio si concentrerà più dettagliatamente sul mondo delle comunicazioni di massa. L’ipotesi che costituisce il fondamento di questo capitolo consiste nell’idea che nella società dello spettacolo, i media abbiano sostanzialmente smesso i panni dei controllori delle attività delle élite diventandone, piuttosto vassalli. Questo processo non ha una origine determinabile. Si potrebbe sospettare con buona ragione che sia il frutto di un circolo perverso, in cui ad una minore domanda di cultura e di conoscenza corrisponde una minore offerta della medesima generando, a sua volta, una ancora minore richiesta. In questo capitolo si cercherà di dare fondamento a tale ipotesi, illustrando alcune delle cause che sembrerebbero dimostrare una precisa volontà disinformativa volta a mantenere un diffuso stato di asservimento alle logiche e alle esigenze dello spettacolo. In questa parte dello studio i contributi principali vengono dai testi di Noam Chomsky, Ignacio Ramonet, di Armand Mattelart, oltre ai già citati Sartori e Negri. Chiude questo lavoro di tesi un capitolo dedicato ad un caso empirico significativo che ben rappresenta cosa vuol dire portare lo spettacolo dentro la vita politica di un paese: l’elezione di Arnold

Anteprima della Tesi di Matteo Di Fusco

Anteprima della tesi: Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Matteo Di Fusco Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.