Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 dell’Internazionale Lettriste. L’attività dei situazionisti, come quella dei lettristi, consisteva nel tentativo di trovare una risposta alla nuova situazione sociale creata dal capitalismo modernista. Solitario, narcisista fino a rallegrarsi della sua maniacale invisibilità, non ha mai posseduto un televisore o un telefono eppure può essere considerato un pioniere per gli studi in materia di comunicazione di massa. Scritto nel 1967 “La Società dello spettacolo” è la sua unica pubblicazione composita 2 . Un libro, in realtà, più citato che letto – del resto la sua forma (è composto di brevi aforismi) si presta bene a tali scopi – finito sui muri del maggio francese (molti hanno considerato questo testo ispiratore di alcune delle idee e dei principi di quella contestazione) insieme con i frammenti dei suoi film e dei suoi articoli. Citazioni, tra l’altro ispirate dallo stesso autore che, anticipando i moderni movimenti di copyleft, ha sempre rifiutato i diritti d’autore sostenendo che le idee migliorano, piuttosto, circolando e partecipando le une con le altre. Tutta la forza del pensiero rivoluzionario di Guy Debord è raccolta dunque ne “ La società dello spettacolo” e negli articoli della rivista “l’internazionale situazionista” oltre che nei suoi enigmatici film. Mille ragioni o forse nessuna lo indussero, nel 1991, al suicidio. Debord con le sue intuizioni lungimiranti era troppo in anticipo rispetto alla capacità dei più di comprenderlo; inoltre la sua biografia lo rendeva scarsamente degno d'attenzione anche da parte di certa parte ‘illuminata’ dell’intellighenzia francese. Eccessivo nella vita come nelle opere, ha attirato su di sé giudizi altrettanto eccessivi; la sua opera radicale e sistemica fu, da più parti, considerata pari a quella di Marx. 2 Nel 1988, scrive i “Commentari alla società dello spettacolo”, sorta di postille alle tesi esposte nel testo del ’67. Nel 1989 scrive una brevissima autobiografia pubblicata col titolo “Panegirico” edito in Italia da Castelvecchi.

Anteprima della Tesi di Matteo Di Fusco

Anteprima della tesi: Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Matteo Di Fusco Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.