Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 promesse roboanti e le dichiarazioni ai giornalisti, e sempre meno con le leggi in parlamento. Non a caso molti descrivono questo scenario come l’affermazione di un modello di comunicazione di tipo going public (Kernell 1986) in grado, cioè di raggiungere direttamente il cittadino elettore bypassando i tradizionali canali di rappresentanza. Tale modello è, tra l’altro tipico all’interno di una strategia di campagna permanete dove prevale costantemente il volitivo annuncio, lo spot pubblicitario, la battuta efficace, il desiderio di sedurre. Il risultato finale è un diffuso senso di disorientamento ed una incapacità sostanziale nel distinguere la politica rappresentata dalla politica che rappresenta. La televisione in particolare ha trasformato la politica in spettacolo favorendo l'insorgenza e la diffusione di atteggiamenti apatici e qualunquistici nell'opinione pubblica. Su questo punto colgono nel segno quei filosofi come Emanuele Severino i quali sostengono che la politica pensa ingenuamente di servirsi della tecnica (nella fattispecie delle tecnologie mediatiche), cioè di utilizzarla come strumento per i propri fini, ma non si accorge che una volta entrata nella dimensione tecnologica perde di vista i propri fini, diventando serva dello strumento che utilizza (Severino 1999). La dimensione dello spettacolo si impone con l’avvento dei mezzi di comunicazione di massa che si affermano come superamento dei limiti di diffusione delle ottocentesche testate giornalistiche. Nati per far fronte agli abusi del potere politico ed economico, i primi fogli informativi crescono e si moltiplicano in breve tempo, a partire sostanzialmente dalla prima metà dell’800. Era l’epoca delle rivoluzioni e dei moti insurrezionali che rivendicavano più potere ai cittadini, a quelle classi troppo a lungo – e ingiustamente – tenute lontano dalla vita politica. In

Anteprima della Tesi di Matteo Di Fusco

Anteprima della tesi: Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Matteo Di Fusco Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.