Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Tra gli anni ottanta e novanta, si è verificata una sorta di anestesia della protesta della gente comune: dopo i fermenti degli anni settanta, mentre proseguiva l’attivismo di alcuni gruppi, la società civile nel suo complesso ha trascorso un periodo nell’ombra, godendo del benessere che le multinazionali sembravano portare sul mercato senza porsi troppe domande sulla provenienza di tanta ricchezza. Le cose cambiarono a partire dalla fine degli anni novanta: un anno simbolico è sicuramente il 1999, quando a Seattle si tenne un incontro del WTO, aspramente contestato da manifestazioni di piazza. La politica ufficiale dei vertici e delle grandi corporations fu costretta ad iniziare a confrontarsi concretamente con il punto di vista dei no- global, cioè di chi rifiutava gli aspetti negativi della globalizzazione economica, come lo strapotere delle multinazionali, lo sfruttamento dei lavoratori, l’omologazione culturale e il degrado ambientale creato dall’inquinamento industriale. Il popolo di Seattle ha cominciato a seguire con determinazione le mosse dei Grandi 8, in un contrappunto politico fatto di controvertici, controinformazione, proteste e rivolta, a volte anche violenta. Prima della politica e delle ideologie però, si è manifestata una sensibilità nuova, che ha fatto emergere le paure di molti, come l’ansia per il futuro dell’ambiente, la volontà di diminuire le disuguaglianze o di non perdere le diversità culturali. A Seattle, la globalizzazione ha cessato di essere un tema per specialisti, diventando un argomento sulla bocca di tutti. Il sorgere della protesta, secondo Igniacio Ramonet 6 , appare come il primo embrione di una società civile internazionale che unisce un gran numero di associazioni, organizzazioni non governative e singoli cittadini. 6 Citato in: V. Giacobini, No-global, tra rivolta e retorica, Eleuthera, Milano, 2002.

Anteprima della Tesi di Silvia Brusadelli

Anteprima della tesi: Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Silvia Brusadelli Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5478 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.