Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Cavalieri dell'intelletto'' tra potere e cultura: Federico II e Franco Battiato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Fu proprio questa donna, forte e determinata, che alla morte del suo consorte decise di trasferire la propria residenza da Messina a Palermo, all’epoca una vera e propria metropoli araba; basti pensare che in quel tempo l’antica cattedrale era stata trasformata in moschea. Il regno di Ruggero II fu caratterizzato prevalentemente dalla tolleranza nei confronti di Ebrei, Arabi e Greci, i cui rispettivi influssi si facevano evidenti negli elementi decorativi degli stupendi palazzi che il sovrano stesso fece costruire e che rimasero nella storia per la ricchezza e la raffinatezza stilistica degli ornamenti. Monumenti, questi, che testimoniano una particolare stagione culturale vissuta a quel tempo dalla Sicilia normanna. 1.3 Federico II e la tradizione culturale arabo-islamica L’ atteggiamento che Ruggero II ebbe nei confronti del mondo orientale lo riscontreremo anche in suo nipote Federico, figura intellettualmente eclettica, sempre alla ricerca di nuovi stimoli culturali, da attingere senza distinzione a qualsiasi tradizione, orientale od occidentale che fosse. Anch’egli infatti amò circondarsi di personaggi di rilievo del panorama culturale arabo-musulmano, senza disdegnare le forme poetiche che stavano affermandosi nella Francia provenzale e nell’Italia settentrionale. La sua corte costituì un importantissimo centro culturale, cui affluirono i più noti “cervelli”, esperti nelle arti letterarie, matematiche, fisiche e naturali. D’altronde l’aver vissuto i primi anni della sua vita a contatto con le forme culturali tipiche delle comunità musulmane, e l’aver scorrazzato, da ragazzino, negli splendidi palazzi della Cuba e della Favara a Palermo, ha certamente favorito il formarsi, in Federico, di uno spiccato interesse per tutto ciò che costituiva oggetto di studio e conoscenza. La Palermo del Duecento si presentava come un giardino fiorito, ricco di piante tropicali e frutti succosi e invitanti; i monumenti, le

Anteprima della Tesi di Francesca Sassone

Anteprima della tesi: ''Cavalieri dell'intelletto'' tra potere e cultura: Federico II e Franco Battiato, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: scienze sociali e della comunicazione

Autore: Francesca Sassone Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4066 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.