Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dibattito sull'immigrazione in ''La Repubblica''e ''El País''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.El País e La Repubblica:ricostruzione storica di due quotidiani affini 8 1978, che pone le basi del nuovo sistema democratico. La seconda fase corrisponde ai governi costituzionali dell'’Unione di Centro Democratico guidati da Adolfo Suàrez che concluderanno la loro esperienza nel 1981, con il fallito tentativo del colpo di stato militare del comandante Tejero. Un anno dopo si apre la fase più lunga, con l’avvento dei socialisti alla guida del Paese. 9 E’questo il passaggio che vede la crescita e la maturazione definitiva del quotidiano, ma anche allo stesso tempo il proliferare di nuove accuse come quella di essere diventato un giornale governativo, accuse mosse dal giornale monarchico Abc che in poco tempo si vide superato nelle vendite, perdendo il primato che aveva conquistato fin dai primi del Novecento. Accuse che verranno in seguito rilanciate da El Mundo negli anni novanta quando la battaglia politica tra sinistra e destra diventa incandescente. Nel 1996, si chiude l’era socialista e arriva l’ultima tappa del giornale, con la nascita del governo di centrodestra guidato da Josè María Aznar. Nel 1996 El País ha compiuto venti anni e per l’occasione anche La Repubblica dedica spazio all’evento intervistando il direttore Juan Luis Cebrián: “Ma per quali motivi per i democratici spagnoli El País è stato più che un giornale, praticamente da quando è nato? Primo, perché eravamo giovani, non avevamo passato e tutti gli altri giornali dell’epoca dovevano pagare il prezzo di aver collaborato con il franchismo. E secondo perché, pur essendo un giornale che si richiamava al liberalismo di Ortega y Gasset, abbiamo deciso fin dal primo giorno di aprire le nostre pagine alla sinistra (…) ero convinto che il vero modo di essere liberale era proprio quello di permettere di esprimersi a coloro che altrove non potevano farlo.” 10 Il nome El País fu scelto per segnalare un progetto che riguardasse appunto il paese. Si cerca di esaltare la libertà di pensiero che sotto il regime franchista era stata usurpata. El País è stato un modello economico intelligente che adottava le nuove tecnologie per consentire un buon controllo dei costi, un’alta redditività e quindi indipendenza economica. 9 José Luis Comellas, Historia de España moderna y contemporáne , Rialp, Madrid, 1970. 10 C. Elordi, Siamo il simbolo della nuova Spagna in “La Repubblica”, 5 maggio 1996, intervista rilasciata da Juan Luis Cebrián.

Anteprima della Tesi di Federica Cortesia

Anteprima della tesi: Il dibattito sull'immigrazione in ''La Repubblica''e ''El País'', Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Federica Cortesia Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11381 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.