Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Non sono il Messia, lo giuro su Dio!''- Messianismo e modernità in ''Life of Brian'' dei Monty Python

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 da dalla BBC dal dicembre 1963, la quale avrà lunga vita fino al 1974, an- che se i Pythons che vi lavorarono (John Cleese, Graham Chapman e qual- che contributo di Eric Idle) non furono costantemente presenti a tutte le edizioni del programma. Oxford non aveva un equivalente dei Footlights di Cambridge, ma aveva Michael Palin e Terry Jones, intraprendenti studenti col pallino del- lo scrivere e del recitare. Palin aveva già scritto sul giornale dei lavoratori delle acciaierie, settore nel quale lavorava suo padre — Sheffield all’epoca era la capitale mondiale dell’acciaio, come è amaramente ricordato anche all’inizio di The Full Monty —, e aveva recitato in ogni sorta d’adattamento da Shakespeare. Jones, da parte sua, aveva il grande entusiasmo che lo portò a fondare assieme a Palin la Oxford Revue, una pièce che già mostrava in nu- ce quelli che sarebbero stati i bersagli preferiti delle caricature dei Pythons: vizi e manie inglesi, i bobbies maldestri, la pomposità delle autorità britan- niche e via discorrendo. A seguire arrivarono Last One’s Home’s a Custard (La custard pie è la classica torta alla crema che si usa negli sketch delle tor- te in faccia), Song of British Nosh (Canzone dello spuntino britannico), Forgi- ve Me (Perdonami, un classico di Terry Jones), e il successo. Spopolando al Festival di Edimburgo e andando in replica per due settimane, fu offerto a tutti di andare verso la grande piazza, Londra. Ma la voga lanciata dal Cam- bridge Circus era già in declino, ed ebbero poco successo. Fu allora che tutti i futuri compagni voltarono le spalle al teatro per volgersi verso la televisione, allora vivificata dalla comparsa delle prime e- mittenti indipendenti come ITV, e la radio (Cleese). Jones dopo poco comin- ciò a curare un programma notturno d’arte, chiamato a questo scopo da BBC- 2, che ebbe vita breve. Dopo un’esperienza quasi fallimentare nella televi- sione indipendente del Galles e del West Country, Palin tornò a Londra e, di nuovo insieme a Jones recitò sul palco di un piccolo teatro, dove tra il non folto pubblico c’era David Frost, all’epoca curatore di programmi per la BBC, che chiese loro di unirsi come autori al cast del programma che aveva in pro- getto, programma che poi si sarebbe chiamato The Frost Report. Questo fu il punto d’incontro dei futuri Pythons, perché anche John Cleese, tornato

Anteprima della Tesi di Giordano Vintaloro

Anteprima della tesi: ''Non sono il Messia, lo giuro su Dio!''- Messianismo e modernità in ''Life of Brian'' dei Monty Python, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordano Vintaloro Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1455 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.