Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Non sono il Messia, lo giuro su Dio!''- Messianismo e modernità in ''Life of Brian'' dei Monty Python

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 ce escono le menti sognatrici, idealiste, mai sicure completamente del fatto loro, ma pronte a sacrificare corpo e anima per una causa: Terry Jones (sto- ria alla St.Edmund Hall) e Michael Palin (storia anche lui, ma al Brasenose College). Terry Gilliam è l‘americano del gruppo, estraneo alle disfide uni- versitarie britanniche ma idealmente vicino al gruppo di Oxford, a causa for- se del suo lavoro di cartoonist che gli consente considerevoli voli pindarici, laureato in scienze politiche all’Occidental College di Los Angeles (1962). Questo schieramento di campo potrebbe sembrare una semplifica- zione eccessiva, ma è lo stesso Terry Gilliam a confermarlo, certo il più obiettivo in quanto osservatore non condizionato da una gioventù nella terra d’Albione, anche se inglese d’adozione: “We (Terry Gilliam, Michael Palin e Terry Jones ndr) were the workhorses, the sloggers, the guys who really sweated it out to get it right. We were the ones who stayed up all night in the cutting room. John and Graham and Eric came in and did what they had to do and did it brilliantly, then walked away from it. It’s true that Oxford men are the romantics, the Cambridge ones the pragmatistes. They’re really ruthless. They know just what they want.” 2 Come un’eco, di rimbalzo Chapman confermava questa visione manicheistica: “We (Gra- ham Chapman, John Cleese ed Eric Idle ndr) regarded the Oxford crowd as more emotional and less logical in their thinking. Cambridge people are more logical and more hidebound in convention and practicalities. The Cambridge people are keen to get out there, do it efficiently, earn some money and look professional. The Oxford ones have more heart, and get more emotionally involved. And they’re possibly less self-critical. It’s the icy cold winds of Fens that makes Cambridge different.” 3 2 “Noi eravamo gli stacanovisti, quelli che sgobbavano, quelli che davvero tenevano duro per fare le cose per bene. Noi eravamo quelli che stavano in piedi tutta la notte in sala di mon- taggio. John e Graham e Eric entravano, facevano quello che dovevano fare e lo facevano benissimo, poi se ne andavano. È proprio vero che quelli di Oxford sono i romantici e quelli di Cambridge i pragmatici. Sono veramente impeccabili/spietati. Sanno esattamente ciò che vogliono.” George Perry, The Life of Python, London, Pavilion Books Ltd., 1999, pag. 63 (trad. mia). 3 “Vedevamo il gruppo di Oxford come più emotivo e meno logico nel modo di pensare. La gente di Cambridge è più logica e più ristretta in convenzioni e senso pratico. La gente di Cambridge ha voglia di uscire, lavorare con efficienza, guadagnare qualche soldo e apparire professionale. Quelli di Oxford hanno più cuore, e sono emotivamente più coinvolti. E se

Anteprima della Tesi di Giordano Vintaloro

Anteprima della tesi: ''Non sono il Messia, lo giuro su Dio!''- Messianismo e modernità in ''Life of Brian'' dei Monty Python, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordano Vintaloro Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1455 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.