Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Archivio del monastero di S. Benedetto a Chiaia (Archivio di Stato di Napoli, Corporazioni religiose volumi 1322-1331)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Il Monastero di S. Benedetto a Chiaia - Archivio 2 I Il Monastero di S. Benedetto a Chiaia Archivio 1 Cenni storici Il monastero di S. Benedetto a Chiaia apparteneva insieme con i monasteri dei S.S. Severino e Sossio, di S. Lorenzo di Aversa, della S.S. Trinità di Cava de’ Tirreni ed al monastero di Montescaglioso, alla Congregazione Cassinese dell’ordine Benedettino 1 . La sua storia, descritti sommariamente nel 1953 da Egildo Gentile 2 , è stata ampliata e documentata con successive ricerche ed indicazioni archivistiche e bibliografiche da Andrea Speme nel 1957 3 . Fondato nel 1601 nella villa o casale della Barra ed eretto ad abbazia nel 1607 da Pio V, il monastero fu trasferito nella regione di Chiaia, presso l’Arco Mirelli, dove, lungo la strada che conduceva al Vomero e detta Imbrecciata 4 , doveva esserci un monastero di Benedettini, divenuto poi il convalescenziario dei Cassinesi 5 . Da un atto rogato in Napoli il 4 aprile 1625 dal notaio Giovanni Scalese, si desume che la traslazione del monastero da Barra a Napoli fu resa possibile grazie ad una donazione 1 La Congregazioni benedettine facenti capo ad un monastero-guida, nel nostro caso a quello di Montecassino, sono sorte prevalentemente dopo il Concilio di Trento per rafforzare la struttura gerarchica dell’ordine benedettino fondato da S. Benedetto da Norcia a Montecassino verso il 509. 2 Cfr. E. Gentile, I Benedettini a Napoli, a. 1953, pp. 35-36. 3 Cfr. A. Speme, Il monastero di S. Benedetto a Chiaia in Napoli, in “Benedectina”, a. 1957, pp. 236-274. 4 Così venivano definite le strade in ripido pendio e pavimentate con ciottoli (in napoletano, vrecce o brecce). 5 Cfr. C. Celano, Delle notizie del bello, dell’antico e del curiosi della città di Napoli per i signori forestieri, Napoli 1962, vol. IX, p. 272.

Anteprima della Tesi di Laura Pozzulo

Anteprima della tesi: L'Archivio del monastero di S. Benedetto a Chiaia (Archivio di Stato di Napoli, Corporazioni religiose volumi 1322-1331), Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Pozzulo Contatta »

Composta da 524 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1175 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.