Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Atti non ripetibili di rilevanza medico-legale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Le motivazioni addotte sono state da più parti criticate, 7 e la scelta del Legislatore di non tipizzare gli atti irripetibili e di non definire il concetto di non ripetibilità ha provocato l’elaborazione delle soluzioni più diverse in dottrina ed una casistica esasperata in giurisprudenza. Ad ogni modo, la dottrina prevalente ha distinto gli atti irripetibili in due categorie, a seconda del momento in cui la non ripetibilità si evidenzia. 8 Le due tipologie, oltre che appartenere a due distinti momenti processuali, si trovano in rapporto di reciproca esclusione, dal momento che, secondo tale impostazione, o l’atto è sin dall’inizio eseguibile una sola volta per cause prevedibili e pertanto va acquisito al processo allegandone il verbale al fascicolo dibattimentale, oppure, inizialmente reiterabile quando è stato eseguito, non può più essere rinnovato per cause imprevedibili e sopravvenute che, dunque, ne giustificano un successivo ripescaggio. 7 V. in particolare C. CESARI, L’irripetibilità sopravvenuta degli atti di indagine, Giuffrè, Milano, 1999, pgg. 5-6; G. FRIGO, Commento all’art. 431 c.p.p., AA. VV., Commento al nuovo codice di procedura penale, coord. da M. CHIAVARIO, UTET, Torino, vol. IV, 1990, pg. 723; M. ROSSI, La nozione giuridica dell’irripetibilità, in Archivio della nuova procedura penale, 1993, pgg. 5-12. 8 A questo proposito vengono utilizzate anche diverse denominazioni, come irripetibilità intrinseca contrapposta a quella estrinseca; o, ancora, irripetibilità congenita contrapposta a quella successiva. Tuttavia, come è stato correttamente osservato (G. ICHINO, Gli atti irripetibili e la loro utilizzabilità dibattimentale, in La conoscenza del fatto nel processo penale, a cura di G. UBERTIS, Giuffrè, Padova, 1992, pg. 109 ss.), le diverse terminologie si riferiscono nella sostanza al medesimo concetto, cioè che l’irripetibilità può caratterizzare l’ atto sin dalla sua nascita o soltanto successivamente per il sopravvenire di particolari condizioni.

Anteprima della Tesi di Giada Pastore

Anteprima della tesi: Atti non ripetibili di rilevanza medico-legale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giada Pastore Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6926 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.