Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Atti non ripetibili di rilevanza medico-legale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 L’art. 354 attiene all’attività della polizia giudiziaria e prevede che questa, se vi è pericolo che le cose, le tracce e i luoghi pertinenti al reato si alterino, si disperdano o, comunque, si modifichino, compia i necessari accertamenti e rilievi sullo stato dei luoghi e delle cose, non solo quando il pubblico ministero non possa intervenire in modo tempestivo, ma anche quando non abbia ancora assunto la direzione delle indagini. Tale potere è conferito alla polizia giudiziaria (che può avvalersi di persone idonee qualora necessitino specifiche competenze tecniche) dalla particolare condizione delle cose, dei luoghi e delle tracce di reato, suscettibili di dispersione, alterazione e modificazione, assumendo l’attività di indagine un carattere di urgenza, come evidenziato anche dalla rubrica della norma. Gli artt. 360 e 392 lett. f), come si vedrà, si trovano in stretta relazione, e consentono l’esperimento di atti che, a causa della modificabilità del loro oggetto non possono essere rinviati al dibattimento. Nel primo caso si tratta di accertamenti compiuti su disposizione del p.m. da consulenti tecnici da lui nominati e, pertanto, sono atti di parte. Tuttavia, considerata la destinazione ed il valore di tali atti, il legislatore ha previsto precise garanzie per l’indagato, ed ha concesso a quest’ultimo una sorta di “diritto di veto” all’accertamento tecnico periodo feriale al compimento di atti rispetto ai quali opera la sospensione dei termini […], il giudice per le indagini preliminari, su richiesta del pubblico ministero o della persona sottoposta alle indagini o del suo difensore, pronuncia ordinanza nella quale sono specificamente enunciate le ragioni dell’ urgenza e la natura degli atti da compiere. Allo stesso modo il pubblico ministero provvede con decreto motivato quando deve procedere al compimento degli atti previsti dall’art. 360 del codice di procedura penale>>.

Anteprima della Tesi di Giada Pastore

Anteprima della tesi: Atti non ripetibili di rilevanza medico-legale, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giada Pastore Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6928 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.