Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Didattica On-Line: La Danza in Digitale. Immagini e Vettorializzazione Video

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I - La Danza Moderna. Arte ed Espressione 1.1. Le Origini. Il Balletto di Corte. Uno spettatore del XXI secolo avrebbe qualche difficoltà a riconoscere la forma artistica che oggi viene denominata balletto, assistendo ad un balletto di corte del XVI o XVII secolo. I primi spettacoli di questo genere, antecedenti all’invenzione del palcoscenico, venivano rappresentati in ampie sale, con il pubblico seduto su vari ordini di gallerie disposte su tre dei lati della superficie utilizzata per la danza, in modo che lo spettatore vedesse gli esecutori del balletto dall’alto. L’invenzione del balletto come intrattenimento cortigiano nasce nelle corti italiane del Rinascimento e si divulga ed amplifica in Francia ad un secolo di distanza. Gli artisti che resero possibile in Francia la nascita del balletto di corte furono infatti italiani, a cominciare dal violinista e coreografo piemontese Baldassarre da Belgioioso ribattezzato Balthazar de Beaujoyeux e protetto da Caterina de’ Medici. Caterina de’ Medici, che nel 1533 andò in sposa al duca d’Orléans Enrico, si dice abbia portato in Francia dall’Italia, suo paese d’origine, il gusto per la danza; infatti faceva inserire balletti in molti degli spettacoli di corte che ordinava (per esempio il Paradiso dell’Amore del 1572, presentato in occasione delle nozze di sua figlia Margherita di Valois con Enrico Navarra). Nel XVI e nel XVII secolo il balletto di corte veniva considerato molto più che un frivolo diversivo. Il ballo in generale veniva ritenuto un mezzo di socializzazione per l’individuo che lo portava ad entrare in armonia con il gruppo e costituiva una parte importante dell’educazione del gentiluomo. 7 DIDATTICA ON-LINE: LA DANZA IN DIGITALE. IMMAGINI e VETTORIALIZZAZIONE VIDEO

Anteprima della Tesi di Laura Ferrari

Anteprima della tesi: Didattica On-Line: La Danza in Digitale. Immagini e Vettorializzazione Video, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Laura Ferrari Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5341 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.