Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il project financing e l'alta velocità/capacità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Project Financing e l’Alta Velocità/Capacità di Marco Monaco 9 essere il più possibile realistiche, e per una maggiore sicurezza è opportuno considerare gli scenari peggiori e adeguati piani per situazioni di emergenza. Un’ulteriore divergenza tra le due tipologie è rappresentata dalla diversa possibilità di rivalsa dei finanziatori in caso di insuccesso: -sugli assets dell’impresa, in modo complementare a quelli relativi al progetto,per quanto riguarda le operazioni di corporate -esclusivamente sui cash flow strettamente connessi all’iniziativa per ciò che concerne il project finance Anche in questo caso la distinzione appare netta, ma nella finanza strutturata è possibile parimenti identificare alcune clausole che consentono alle banche creditrici di rivalersi, anche se marginalmente e in maniera tale da non garantire un rientro completo nei costi,sul patrimonio delle imprese promotrici. Tecnicamente i termini no recourse (o without recourse) e limited recourse identificano la presenza o meno di garanzie reali. Un’implicazione logica di quanto appena descritto la si può avere evidenziando la differente incidenza delle due tipologie nei prospetti di bilancio.Assodato che le attività in azienda devono equiparare le passività e il patrimonio netto,evidenziamo come nel corporate i finanziamenti di tipo tradizionale si vanno a confondere tra le altre passività aziendali,non mostrando così la correlazione diretta tra le attività e le passività che sono volte nello specifico a finanziarle,che caratterizza il p.f. 2 . Alla luce di tutto questo,come orientarsi nella scelta più appropriata del meccanismo secondo cui finanziare un’iniziativa e renderla il meno onerosa possibile se non addirittura fruttuosa? E perché affidarsi al project financing? Prima di rispondere a questi quesiti è opportuno fare cenno a come sia nato tale meccanismo di raccolta del capitale, nonché quali siano state le condizioni che hanno permesso la sua diffusione e il suo sviluppo. Come la quasi totalità degli strumenti di finanza strutturata, anche il p.f. ha una matrice anglosassone; infatti è possibile riconoscerne i tratti caratteristici negli Stati Uniti già nel corso degli anni ’30. Le compagnie petrolifere del 2 Cfr. Forestieri G., Corporate and Investment Banking, Egea, 2000 e Dallocchio Maurizio, Finanza d’azienda, Egea, 1995.

Anteprima della Tesi di Marco Monaco

Anteprima della tesi: Il project financing e l'alta velocità/capacità, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Monaco Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.