Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'avventura di Vincenzo Carrese e di PUBLIFOTO, le carte del Fondo Ferdinando Carrese (1952-1980).

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

71 epistolare con Ferdinando Carrese, che ci permette di intuire come spesso un rapporto professionale e collaborativo sia sorretto e alimentato dalla stima e dall’affetto reciproco. • Marc Ribaud: altro fotografo francese con cui Ferdinando Carrese intrattiene una viva amicizia, qui testimoniata da numerosi fax e lettere. Questa, in sintesi, la descrizione schematica dei fondi documentali recuperati e raccolti per tipologie di documenti; come si nota la gran parte delle carte analizzate riguarda le relazioni che l’agenzia aveva con corrispondenti agenzie estere in Europa ed extracontinentali. Prima di analizzare nel dettaglio alcuni dei fondi presi in considerazione, di seguito viene proposto un grafico che ci aiuta a comprendere meglio la rete di relazioni internazionali dell’agenzia Publifoto: Distribuzione percentuale delle relazioni estere PUBLIFOTO. Francia 13% Stati Uniti 9% Italia 8% Svizzera 8% Germania 8% Regno Unito 8% Norvegia 6% Spagna 6% Giappone 6% Belgio 4% Ungheria 2% Finlandia 2% Danimarca 2% Grecia 2% Canada 2% Olanda 4% Cina 2% URSS 4% Svezia 4% Austria 4%

Anteprima della Tesi di Francesco Giunta

Anteprima della tesi: L'avventura di Vincenzo Carrese e di PUBLIFOTO, le carte del Fondo Ferdinando Carrese (1952-1980)., Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Giunta Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2528 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.