Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 PREMESSA Argomento della tesi è la politica riformatrice del re del Marocco Mohamed VI. Questa scelta nasce da un interesse particolare per il Maghreb sorto in seguito alla frequenza, nell’anno accademico 2002-2003, del corso di Storia e Istituzioni dei Paesi Afroasiatici, che ha avuto fra i suoi temi principali il rapporto fra autoritarismo e democrazia nel Maghreb. Studiando la regione maghrebina, vicina per clima, popolazione, economia e storia all’Europa mediterranea, mi ha colpito la scarsa attenzione che in Italia si presta a questi paesi, troppo spesso confusi con il restante mondo arabo, senza tenere in dovuta considerazione le specificità nazionali. Da questo è derivata la mia decisione di intraprendere una ricerca più approfondita sui paesi maghrebini, per meglio capire quali sono le loro singolarità e quali le problematiche che li accomunano. La scelta, in particolare, del Marocco si motiva per le sue caratteristiche storiche e politiche che, oltre a distinguerlo dai paesi vicini, lo rendono un case study molto interessante. Il Marocco è l’unica monarchia del continente africano ed è l’unico paese maghrebino che non ha mai fatto parte dell’Impero Ottomano. Dopo aver ottenuto l’indipendenza, nel 1956, dalla dominazione coloniale francese, il Marocco si è contraddistinto per una forte stabilità interna, garantita dall’efficiente funzionamento di un sistema politico saldamente guidato da un sovrano carismatico, che ha amalgamato tradizione e modernità. Dal 1999 il paese è entrato in una fase di transizione e rinnovamento; il 23 luglio 1999, dopo ben trentotto anni di regno, è morto re Hassan II, ovvero la guida indiscussa del popolo fin dall’indipendenza. La successione al trono ha turbato gli equilibri della società, tanto più che il nuovo sovrano, Mohamed VI, ha fin dall’inizio assecondato le pressanti richieste di riforme e ammodernamento. Mohamed VI è un re giovane, risoluto, moderno e fin dai primi mesi del suo regno ha considerato, come sua priorità, la democratizzazione del paese.

Anteprima della Tesi di Luciana Marzullo

Anteprima della tesi: Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Marzullo Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6714 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.