Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 La tesi si propone di esaminare la politica di apertura del nuovo re e di capire se vi sia una reale volontà di riformare il paese. Nei mesi immediatamente successivi alla sua incoronazione il giovane sovrano ha promesso di intraprendere riforme ad ampio raggio, che permettano al paese di progredire e svilupparsi in maniera moderna e liberale. Tuttavia, in questa fase di cambiamento, la monarchia continua a rivestire un ruolo centrale; le riforme auspicate o di fatto realizzate da Mohamed VI non intaccano la sua autorità e il suo potere. Obiettivo della tesi è anche quello di evidenziare come e se il nuovo sovrano possa conciliare la tradizione monarchica, che risale al XVII secolo, con le esigenze della modernità e della democrazia, che impongono l’instaurazione dello Stato di diritto. Molti osservatori internazionali sostengono che il Marocco non può diventare uno Stato democratico finché il sovrano, imponendosi sul Parlamento e sul governo, continua a detenere il potere maggiore nella gestione politica del paese. Nel primo capitolo, dopo una breve descrizione della struttura politica del Marocco e del lungo regno di Hassan II, si esaminano la successione dinastica e l’entusiasmo causato dall’ascesa di Mohamed VI. Nel secondo capitolo sono analizzati i primi sei mesi del regno di Mohamed VI attraverso i discorsi ufficiali del nuovo sovrano, soprannominato “re dei poveri”, e la direzione data alla politica estera. Il capitolo terzo tratta della minaccia del fondamentalismo e della politica di contenimento adottata dal palazzo reale, soprattutto dopo gli attentati terroristici di Casablanca del 16 maggio 2003. La delicata questione dell’emancipazione femminile costituisce l’oggetto del quarto capitolo, poiché l’arrivo del giovane sovrano e il suo matrimonio, distante dalla tradizione, hanno riacceso le speranze delle donne. Le innovazioni introdotte da Mohamed VI nel settore politico e economico, le riforme del sistema scolastico e dei mass media e il suo impegno per una maggiore tutela dei fondamentali diritti dell’uomo sono esaminati nel quinto capitolo. L’ultimo capitolo traccia un quadro della spinosa questione del Sahara Occidentale, che avvelena da ormai troppi anni le relazioni

Anteprima della Tesi di Luciana Marzullo

Anteprima della tesi: Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Marzullo Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6714 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.