Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 I Da Hassan II a Mohamed VI: osservazioni sulla vita politica del Marocco Situato in posizione strategica, alle porte del Mediterraneo, governato dalla dinastia alawita fin dal XVII secolo 1 e tenuto in alta considerazione a livello internazionale in quanto stabile monarchia costituzionale, il Marocco vive, dalla fine degli anni ’90, un momento politico particolarmente intenso, caratterizzato dall’apertura e dal cambiamento. Un periodo di liberalizzazione a piccoli passi e di stentata transizione democratica era già iniziato negli ultimi anni del lungo regno di Hassan II (1961-1999) con la nomina, nel 1998, di Abderrahmane Youssoufi, leader dell’USFP (Union Socialiste des Forces Populaires), a Primo Ministro di un governo di alternanza 2 . Oggi il paese vuole proseguire in maniera più decisa nel cammino delle riforme politiche e sociali; le istituzioni e la società marocchina sono attraversate da una vivace volontà di rinnovamento e sempre più pressanti sono le richieste di maggiori libertà in tutti i campi. Di fronte a questa situazione Mohamed VI, re del Marocco dal 30 luglio 1999, sembra avere due alternative: continuare sulla via percorsa da suo padre, ovvero un dispotismo illuminato anche se ingentilito da un maggiore impegno nel campo del sociale, oppure trasformare il Marocco in una reale democrazia, diventando il detentore di un potere soltanto simbolico 3 . 1 Per maggiori informazioni sulla storia del Marocco si rimanda a White Gregory, Tessler Mark, Entelis John, «Kingdom of Morocco», in Long David e Reich Bernard, The Government and Politics of the Middle-East and North Africa, IV ed., Oxford, Westview Press, 2002, pp. 392-395. 2 Per governo di alternanza si intende un governo guidato dai partiti dell’opposizione, ovvero i partiti di centro-sinistra, giunti per la prima volta al potere nel 1998. 3 Cfr. Maghraoui Abdeslam, «Monarchy and Political Reform in Morocco», in Journal of Democracy, vol. 12, gennaio 2001, p. 84; Daoud Zakya e Abderrahim Kader, «Le Maroc change-t-il vraiment?», in Le Monde Diplomatique, n° 551, febbraio 2000, p. 14.

Anteprima della Tesi di Luciana Marzullo

Anteprima della tesi: Il Marocco di Mohamed VI tra tradizione monarchica e tentativi di democratizzazione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Marzullo Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6712 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.