Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'arbitrato amministrato dalle Camere di Commercio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 dall’esigenza di garantire una procedura spedita e semplice capace di fornire alle parti una accentuata preparazione tecnica-merceologica dell’arbitro. La spontanea costituzione di collegi e corti arbitrali venne però visto con sfavore dal legislatore che, con la legge 25 gennaio 1888, n. 5174, soppresse le camere arbitrali ed i tribunali commerciali in generale 12 , anche quelli che si erano spontaneamente costituiti presso le Camere di commercio. Successivamente la legge 20 marzo 1910, n. 121, che pose in essere un riordino sommario delle Camere di commercio, si limitò soltanto a configurare per gli enti camerali un ruolo di appointing autority per le controversie di carattere commerciale ed industriale 13 . L’arbitrato amministrato dalle Camere di commercio però - di fatto - continuò ad esistere seppur privo di fondamento normativo fino al 1924; anno in 12 A. BUONFRATE – A. LEOGRANDE, L’arbitrato amministrato dalle Camere di commercio, Milano, 1998, pag. 6. 13 R. CAPONI, ibidem, pag. 672.

Anteprima della Tesi di Manuele Roghi

Anteprima della tesi: L'arbitrato amministrato dalle Camere di Commercio, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Manuele Roghi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2037 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.