Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I popoli del GULag - strategia etnica del regime stalinista

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

____________________________________________________________ I popoli del GULag ________ 9 Altro argomento di particolare attenzione nel lavoro sarà la considerazione delle motivazioni che spinsero il regime a risoluzioni tanto drastiche quali le deportazioni di massa. L’immenso arcipelago dell’Amministrazione Statale dei Campi, il GULag ( Gosudarstvennoje Upravlenie Lagherej ), alla morte di Stalin, tra colonie speciali, campi a regime speciale, campi di lavoro, colonie di lavoro, contava più di cinque milioni di deportati, almeno la metà dei quali per ragioni puramente etniche. Per quanto umanamente ingiustificabili i processi mentali di Stalin vanno pur analizzati. Che l’assolutista georgiano soffrisse di gravi disturbi della personalità lo sappiamo dalle tante biografie: sindromi persecutorie e di inferiorità si alternavano a parafrenie medianiche, il culto della personalità non fu che uno dei fatti a dimostrazione del personaggio. Per altro, dietro le decisioni, per quanto allucinanti, una logica tuttavia vi era, cinica allucinante essa stessa, pure molto precisa. Come i pezzi su di una scacchiera interi popoli vennero spostati a seconda delle finalità del gioco: se tatari crimeani, ceceni, karaciaj, balcari, ingusci, erano di religione islamica e perciò simpatizzanti con la pericolosa Turchia, allora non potevano che andare ‘mossi’ in settori lontani dove non potevano essere di appoggio ai piani panturanici turchi; se Calmucchi buddisti, anche solo in teoria, avrebbero potuto assecondare gli interessi della vicina Cina, allora perché non spostarli in Siberia a colonizzare territori tanto depressi da non invogliare alcun pioniere di propria iniziativa neppure all’esplorazione? Oggi sappiamo che le accuse di tradimento cadute sul capo di questi popoli per aver favorito la penetrazione dell’esercito nazista non furono altro che speculazioni macchinate nel tipico stile staliniano.

Anteprima della Tesi di Alessio Trovato

Anteprima della tesi: I popoli del GULag - strategia etnica del regime stalinista, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessio Trovato Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3032 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.