Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Giustificazione. Motivazione e argomentazione nelle decisioni giudiziarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Per il non giurista la sentenza rimane tendenzialmente incomprensibile: anzi, sembrerebbe ridursi ad un complesso di formule magiche, da cui emana una notevole forza suggestiva, che induce ad assentire, ma che preclude la possibilità di capire e comprendere la decisione e le sue ragioni fondanti 5 . A questa tendenza ha in qualche modo contribuito la tradizionale configurazione del ragionamento giudiziario nella forma di un sillogismo che, nel suo rigore formale, argomenta ed impone un’unica soluzione logicamente e giuridicamente valida per il caso in specie 6 . Ciò ha indotto, per lungo tempo, a credere che il ragionamento giuridico, contenuto nella motivazione della sentenza, dovesse essere la più concreta forma realizzativa della «certezza del diritto» 7 ed il giudice dovesse essere, né più né meno, la «bocca della legge» 8 . Non è un caso che la più rigorosa e serrata critica al modello sillogistico sia venuta dal realismo giuridico, specie quello nord-americano, che, insistendo sulla necessità di un divorzio, nei discorsi dei giuristi, tra «essere» e «dover essere» 9 , ha dimostrato l’ infondatezza del dogma 5 Cfr. Taruffo, La fisionomia della sentenza in Italia, op. cit., p.260. 6 Cfr. Tarello Giovanni, L’interpretazione della legge, Giuffrè, Mi, 1989, pp.78/79. 7 Cfr. Pino Giorgio, Il positivismo giuridico di fronte allo Stato costituzionale, in Analisi e Diritto – Ricerche di giurisprudenza analitica, Giappichelli, To, 1998, pp.208/209. 8 Cfr. de Secondat Charles-Louis, barone di Montesquieu, Lo spirito delle leggi, prefazione di G. Macchia, introduzione e commento di R. Derathé, traduzione di B. Boffito Serra, II voll., Rizzoli, Mi, 1996, pp.224/225. 9 Cfr. Llewellyn Karl, Lo scetticismo delle norme, in Il realismo giuridico scandinavo e americano, a cura di S. Castignone, Il Mulino, Bo, 1981, pp.216/217.

Anteprima della Tesi di Giancarlo Chirico

Anteprima della tesi: La Giustificazione. Motivazione e argomentazione nelle decisioni giudiziarie, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giancarlo Chirico Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3783 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.