Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi di qualità nell'agroalimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I Cultura e sistemi di qualità Sistemi di qualità nell’agroalimentare - Pag. 7 Gli attributi cui fanno maggior riferimento i consumatori sono quelli igienico-sanitari 2 , che possono essere classificati senza ombra di dubbio come i più importanti, seguiti dagli attributi nutrizionali e organolettici. Seguono gli attributi che il consumatore ricerca quando i precedenti sono soddisfatti: le caratteristiche o qualità derivanti dall’ambiente geografico (la c.d. tipicità dei prodotti, cioè la stretta relazione con un territorio, una cultura ed una tradizione) 3 , il gusto, la consistenza, l’aroma, il contenuto in servizio, il packaging, etc. 2 La qualità igienica garantisce la conservabilità degli alimenti, mentre quella sanitaria è correlata alla assenza di microrganismi in grado di provocare fenomeni alterativi che possono provocare nocumento alla salute dei consumatori. 3 Da una analisi antropologica, il tentativo di ricostruire l’identità di un alimento, attraverso le etichette e le certificazioni (come le DOP-IGP), sono visti come il tramite per ricostruire l’identità dell’individuo. Per il principio di incorporazione, infatti, l’uomo è ciò che mangia e attraverso l’alimento l’uomo è incorporato in una cultura [Fonte, 1999b].

Anteprima della Tesi di Domenico Bianco

Anteprima della tesi: Sistemi di qualità nell'agroalimentare, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Bianco Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9672 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.