Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Commodities e Managed Futures

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 8 cereali (riso, grano, avena e mais), dai prodotti forestali (legname e compensato) al bestiame (carne, suini e bovini vivi, pancetta di maiale). I metalli sono definiti in base alla formazione geologica e alla struttura chimica. L’unica sottocategoria è quella dei metalli preziosi (oro, argento, platino, iridio, palladio, rodio e rutenio) che si distinguono da quelli ad uso prevalentemente industriale (rame, stagno, piombo, zinco, alluminio e nickel). I principali beni del settore energetico sono il gas, il petrolio ed i derivati di questi (corrispondenti a livelli diversi di raffinazione della materia prima). Al di fuori dei mercati regolamentati vengono trattate anche altre forme di energia: eolica, idroelettrica e geotermica, la cui quantificazione è, tuttavia, indiretta (in termini di corrente elettrica prodotta). Da queste tre categorie rimane escluso un elevato numero di commodity per le quali esistono quasi unicamente mercati futures: dalle assicurazioni contro le catastrofi ai fosfati, dai chip per computer all’ammoniaca. Altre commodity sono le pietre preziose, le monete antiche, i materiali da costruzione, la proprietà intellettuale e i software. In teoria, qualunque bene oggettivamente identificabile che fosse negoziato e per il quale esistesse una quotazione potrebbe essere considerato una commodity.

Anteprima della Tesi di Vincenzo D'agostino

Anteprima della tesi: Commodities e Managed Futures, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo D'agostino Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4003 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.