Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione nel settore delle griffes dell'abbigliamento in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 superiore ai quattrocentosettanta miliardi di lire. Inoltre, è possibile rilevare un rapporto minimo tra investimenti in comunicazione ed utile netto pari al 12,72% (Prada nel 1999) ed uno massimo pari al 259% (Prada nel 1997). Sono cifre incredibili, non si può certo affermare che il settore non investa in comunicazione. Si deve, però, anche notare come le scelte effettuate dalle diverse imprese non seguano sempre un comune orientamento, probabilmente perché dettate da diverse strategie aziendali. Ad esempio, se per Armani e Prada si può osservare l’esistenza di un rapporto, anche se non perfettamente proporzionale, tra dimensione dell’utile netto ed investimenti in comunicazione, questo non accade per Versace. Risulta particolarmente interessante la peculiare suddivisione degli investimenti tra i diversi mezzi di comunicazione da parte del sistema moda. INVESTIMENTI PUBBLICITARI LORDI DEL SISTEMA MODA 1998 investimenti totali 2767 Stampa 2248 Televisione 405 Radio 56 Affissione 58 totale pubblicità 32224 %investimenti moda/totale 8.06

Anteprima della Tesi di Alessandro Di Lascio

Anteprima della tesi: La comunicazione nel settore delle griffes dell'abbigliamento in Italia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Di Lascio Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7868 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.