Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per un'analisi dell'arte-terapia. Riflessione e metodologie nel pensiero psicoanalitico: da Freud all'Art Therapy Italiana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Capitolo I L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non lo è. Paul Klee. I.1 Uno sguardo alla storia L’importanza della psicoanalisi nell’ambito delle scienze umane e sociali può essere ricondotta ad un dir poco epocale cambiamento epistemologico e metodologico nei confronti della cultura scientifica fine ottocentesca, in grado di influenzare la ricerca psicologica e sociale a lei posteriore. La nuova scienza psicoanalitica ha posto, infatti, al centro della sua indagine la soggettività umana, cosa in sé per sé non certo nuova, esaltandone al massimo le diversità intersoggettive, le dinamiche intrasoggettive e, soprattutto, portando alla luce ed elevando a campo degno di massima attenzione l’insieme di sentimenti e delle pulsioni profonde che rendono l’uomo così propriamente “uomo”. Il riconoscimento della “interiorità” quale campo di indagine scientifica, sembra derivare e riprendere quella particolare sensibilità propria del pensiero romantico europeo, che aveva profondamente modificato la cultura e la società ottocentesca: lo stesso Freud ha sempre riconosciuto la priorità e la profondità in materia di conoscenza dell’animo umano degli artisti, in particolare dei suoi amati poeti e scrittori, dichiarandolo esplicitamente in un noto passo del suo commento alla Gradiva di Wilhelm Jensen: “I poeti sono però alleati preziosi, e la loro testimonianza deve essere presa in attenta considerazione, giacché essi sono soliti sapere una quantità di cose fra cielo e terra che la nostra filosofia neppure sospetta. Particolarmente nelle conoscenze dello spirito essi superano di gran lunga noi comuni mortali, poiché attingono a fonti che non sono ancora state aperte dalla scienza” 1 . L’attività artistica è rivelatrice dell’essere umano nella sua più sconosciuta e squisita interiorità, perché, si direbbe, proprio da essa originata; ma per Freud essa mantiene il 1 S. Freud (1907), Delirio e sogno nella Gradiva di W. Jensen, in OSF, vol. V, p. 264.

Anteprima della Tesi di Silvestro Calabrese

Anteprima della tesi: Per un'analisi dell'arte-terapia. Riflessione e metodologie nel pensiero psicoanalitico: da Freud all'Art Therapy Italiana, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Silvestro Calabrese Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16496 click dal 20/10/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.