Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La storia della C.I.A. e della sua evoluzione nella cinematografia americana: dalla crisi e dalla critica sociale degli anni '70 alla riscossa degli anni di Reagan

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

stranieri vicini agli Stati Uniti, all'assistenza a gruppi di pressione e, addirittura, al sostegno di iniziative sovversive o paramilitari, suscitando vivaci polemiche sia in patria sia all'estero. La sua funzione primaria non fu, dunque, soltanto quella di raccogliere informazioni, ma anche quella di promuovere attività clandestine e atti di illecita ingerenza negli affari interni degli altri stati. L’ossessione americana per la sicurezza nazionale e la lotta contro il nemico giurato, il comunismo, ha reso la CIA il braccio segreto della politica estera americana: 41 spionaggio, controspionaggio (che dovrebbe essere la sua funzione prioritaria), propaganda, disinformazione (la diffusione deliberata di informazioni false), deviazione della pubblica opinione, guerre psicologiche e attività paramilitari sono le sue armi più potenti, favorite dalla quasi totale assenza di limiti etici e legali. Con le sua struttura tentacolare non esita a penetrare in istituzioni private e a manipolarle, recluta agenti e mercenari in tutto il mondo e se necessario crea organizzazioni proprie, le cosiddette insospettabili “compagnie dipendenti”, come ad esempio l’Air America (operativa dagli anni sessanta in poi), per raggiungere i suoi scopi. La funzione principale dell’Agenzia diventò così quella di attuare una politica estera parallela a quella ufficiale del governo, liberando il presidente da qualsiasi responsabilità, e favorendo consistenti interessi e manovre di tipo politico, economico e militare: “giusto o sbagliato che sia, il suo compito era di attuare la politica estera camuffata del governo”. 42 La sua arma principale consisteva nell’ingerenza clandestina negli affari interni di altri Stati che il governo americano voleva assoggettare al proprio controllo o alla propria sfera d’influenza; ma l’azione clandestina, come “surrogato” di una politica estera coerente ed efficiente, si rivelò uno strumento efficace solo quando le forze interne di un paese si stavano già muovendo nella direzione in cui la CIA voleva spingerle. 43 “Aureolata” di romantiche leggende, l’attività della CIA rimase mimetizzata da una cortina di false immagini e protetta dalle menzogne ufficiali, oltre che dai suoi numerosi successi. 44 La CIA infatti perseguiva lo scopo di garantire la sicurezza della nazione, obiettivo nobile e legittimo che la maggior parte delle volte riuscì a raggiungere. 41 V. MARCHETTI; J. D. MARKS, op. cit., p.27 42 ivi, cit.114 43 Phillip KNIGHTLEY, op. cit., p.280 44 Rhodri JEFFREYS–JONES, The CIA And American Democracy: With A New Preface, 2a edizione, New Haven, Yale University Press, 1998, p.14 20

Anteprima della Tesi di Alessandro Manea

Anteprima della tesi: La storia della C.I.A. e della sua evoluzione nella cinematografia americana: dalla crisi e dalla critica sociale degli anni '70 alla riscossa degli anni di Reagan, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Manea Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4715 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.