Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della Media Education nell'educazione degli adulti. Stato della questione e analisi di un caso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 - 16 - da anni applica, soprattutto nelle scuole, il metodo della ricerca-azione. Tale metodo, introdotto nelle scienze sociali da Kurt Lewin, permette di coniugare teoria e pratica attraverso una concreta azione sul campo, finalizzata alla produzione di un cambiamento e supportata da un modello teorico elaborato precedentemente e ad essa sottostante. La caratteristica principale della ricerca-azione, infatti, consiste nel coinvolgimento dell'educatore nel ruolo di ricercatore allo scopo di ottenere una profonda compenetrazione tra riflessione teorica e lavoro educativo. «Essa si pone alla base delle innovazioni perché consente di verificare, di aggiornare e di ridimensionare quei percorsi teorici, spesso troppo idealistici e astratti. La ricerca può essere uno strumento di certificazione e di autoverifica, o di verifica esterna» 20 . Un esempio di ricerca-azione ci viene fornito dalla testimonianza di R. Giannatelli: «Il modello che ho adottato nel Laboratorio di Media education (Roma, 1991-1995) prevedeva tre fasi di intervento: • Fase della preparazione: formazione del gruppo degli insegnanti; approfondimento delle motivazioni, acquisizione delle competenze di base; promozione di un’interdisciplinarietà e affiatamento del gruppo; studio del disegno di ricerca (contenuti da sperimentare, obiettivi delle unità didattiche, scelta delle attività degli alunni, definizione dei criteri per la valutazione); • Fase della ricerca: si trattava di assegnare compiti differenziati agli insegnanti che partecipavano alla ricerca (l’analisi semiotica dei testi al docente di lettere, gli aspetti tecnici all’insegnante di educazione tecnica…), di organizzare la raccolta della documentazione (si è data importanza al “quaderno di classe” e alla produzione degli alunni), concordare come si sarebbero attuati il monitoraggio e la valutazione del processo di apprendimento e delle produzioni, ecc.; 20 M. Morcellini, intervento alla Prima Convention Nazionale sulla Media Education – Bellaria Igea Marina, aprile 2000, in Internet URL: www.mediatando.it.

Anteprima della Tesi di Chiara Cavenago

Anteprima della tesi: Il ruolo della Media Education nell'educazione degli adulti. Stato della questione e analisi di un caso, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Chiara Cavenago Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13975 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.