Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di Strategie di Business. Il Caso ENEL

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. 2 – Il concetto di strategia: cenni storici sullo studio delle strategie 17 La diffusione della pianificazione durante gli anni ’60 ed i primi anni ’70 va collocata nel clima di entusiasmo formatosi nelle aziende e nelle amministrazioni pubbliche per le tecniche decisionali cosiddette scientifiche, che includevano: l’analisi dei costi-benefici; il discounted cash flow che determina la convenienza di un investimento sulla base dell’attualizzazione dei redditi futuri; la programmazione lineare; la previsione econometrica e la gestione della domanda macroeconomica. Molti economisti e osservatori sostennero che i metodi di decisione scientifica e la pianificazione razionale attuata dalle aziende e dai governi erano in grado di superare il funzionamento casuale dell’economia di mercato. Durante gli anni ’70 tali condizioni mutarono. Non solo la diversificazione fallì nel generare le sinergie previste, ma le crisi petrolifere del 1974 4 e del 1979 POSIZIONE DELL’AREA D’AFFARI BASSA MEDIA ALTA BASSA MIETERE MEDIA MANTENERE ATTRATTIVITÀ DEL SETTORE ALTA CRESCERE Le caselle evidenziate in grigio rappresentano le tre implicazioni strategiche che derivano dalla posizione relativa dell’azienda rispetto alle due fonti. In particolare: − le attività che si posizionano in alto in entrambe le dimensioni hanno un elevato potenziale di profitto e dovrebbero essere sviluppate; − le attività che si collocano in basso in entrambe le dimensioni presentano prospettive poco interessanti ed andrebbero “mietute”, ovvero gestite in modo da massimizzare i flussi di cassa minimizzando o evitando nuovi investimenti; − le attività in posizioni intermedie si candidano per una strategia di mantenimento. La matrice di portafoglio così formulata, può essere utilizzata in svariati campi di applicazione: allocazione delle risorse, formulazione della strategia di business, analisi del bilanciamento del portafoglio, definizione degli obiettivi. 4 La crisi del settore petrolifero dell’autunno del 1973, che vede il prezzo del barile aumantare di sei volte.

Anteprima della Tesi di Marco Grieco

Anteprima della tesi: Analisi di Strategie di Business. Il Caso ENEL, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Grieco Contatta »

Composta da 310 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8646 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.