Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crisi e ristrutturazione d'impresa: il caso Gandalf Airlines

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Tale teoria rigetta quindi l’idea che vede negli squilibri finanziari una delle ragioni del declino aziendale: vengono identificati altri fattori primari quali l’inefficienza, la rigidità, il decadimento, ecc. come l’origine delle perdite economiche che determinano gli squilibri finanziari che, a loro volta, producono un aggravamento delle perdite economiche e quindi una chiara situazione di difficoltà. Gli squilibri finanziari, quindi, sono delle conseguenze e non la causa di una crisi. Lo squilibrio finanziario è spesso associato a quello patrimoniale. Tale squilibrio si caratterizza per una scarsità di mezzi vincolati all’azienda, a titolo di capitale e riserve, rispetto ad altri componenti patrimoniali (l’indebitamento) ed economici (giro d’affari, entità delle perdite effettive e potenziali). Avere mezzi propri (capitale e riserve) adeguati, permette di assorbire con una certa disinvoltura anche perdite di un certo rilievo. L’elemento patrimoniale svolge, quindi, due distinte funzioni: accresce l’entità degli oneri finanziari, a causa del forte indebitamento che ad esso si associa e a causa della scarsità delle garanzie da offrire ai creditori e, nelle fasi ulteriori, diviene condizione essenziale per resistere al declino. Si deve comunque opportunamente sostenere che è opinione diffusa parlare del contemporaneo operare di più fattori che generano i fenomeni di declino o crisi, e non di un unico fattore scatenante. Al termine di questo elenco di inefficienze, si può concludere con quello che può essere visto come un tipico “profilo” di un’ azienda in crisi: • Eccesso di indebitamento • Indebitamento incoerente con il fabbisogno • Eccesso di investimenti industriali • Mancanza di un piano industriale Ovviamente anche in questo caso siamo di fronte ad una descrizione generale, e magari anche riduttiva, di quella che è la reale situazione di un’ azienda in crisi. Questo elenco, infatti, non vuole e non può essere una esposizione esauriente, data la complessità dell’ analisi che sottende, ma solo un “indice” approssimativo che ne evidenzia le possibili caratteristiche principali.

Anteprima della Tesi di Antonio Campanella

Anteprima della tesi: Crisi e ristrutturazione d'impresa: il caso Gandalf Airlines, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Campanella Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3892 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.