Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato azionario italiano: efficienza e anomalie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Come si può ben vedere, la reazione del mercato alla diffusione di una notizia, per esempio, un aumento degli utili, è istantanea e corretta (linea spezzata continua in grassetto), in quanto in t il mercato stima il prezzo e il rendimento attesi per l’istante t +1 : poiché il rendimento atteso in t +1 è superiore al rendimento normale secondo la S.M.L. si ha convenienza ad acquistare l’azione; ciò provoca un aumento del prezzo che sale a 30 (presunto nuovo prezzo di equilibrio). L’acquisto al prezzo di 30 esclude la possibilità di realizzare un extra-profitto. La retta inferiore indica invece il percorso di crescita della quotazione in un mercato inefficiente. La notizia di diffonde gradualmente tra gli investitori ed il prezzo si adegua lentamente al nuovo livello di equilibrio. Durante la fase di aggiustamento chi possiede la notizia acquista ad un prezzo inferiore a quello di equilibrio e può rivendendo il titolo realizzare un extra rendimento. […] 2.2.2 Evoluzione del concetto di efficienza L’ipotesi che le condizioni di equilibrio del mercato possano essere espresse in termini dei rendimenti attesi e che i rendimenti attesi di equilibrio siano generati in base alle informazioni I t hanno un’importante rilevanza empirica; è esclusa la possibilità che strategie di acquisti e vendite basate solo sulle informazioni I t diano rendimenti superiori a quelli di equilibrio. L’equazione (1) può essere infatti riespressa anche nel modo seguente: E ( Z it ∼ I t ) = E (r it ∼ I t ) – r * it = 0 (2) Secondo la condizione (2) gli extra-rendimenti Z t hanno valore atteso condizionato nullo, cioè sono rappresentabili mediante una martingala, ovvero costituiscono un gioco equo. Qualsiasi regola operativa (trading rule) basata su I t , che suggerisca agli investitori il tipo di posizione (rialzista, ribassista o neutrale) da assumere rispetto ad un certo titolo, non potrà fornire rendimenti superiori a quelli ottenuti con un comportamento da cassettista.

Anteprima della Tesi di Giampaolo Finaldi

Anteprima della tesi: Il mercato azionario italiano: efficienza e anomalie, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giampaolo Finaldi Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4924 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.