Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritto comunitario e diritto penale: la domanda di tutela comunitaria e l'offerta nazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 La politica estera e di sicurezza comune non viene attuata allo stesso modo delle politiche comunitarie (ad es. politica agricola, tutela dell'ambiente, trasporti, ricerca, etc.): essa si inserisce in un quadro istituzionale unico dove gli organi interessati sono quelli esistenti ed operanti nell’ambito comunitario, ma l'equilibrio dei poteri tra il Consiglio, il Parlamento europeo e la Commissione si snoda in maniera differente. 17 c) Il terzo pilastro dell’Unione nell’originaria formulazione del Trattato di Maastricht riguardava la cooperazione nel settore della giustizia e degli affari interni (GAI) disciplinata dal titolo VI, del TUE (ex artt. da K1 a K9). Il Trattato di Amsterdam ha esplicitamente menzionato tra i compiti dell’Unione lo svolgimento delle c.d. missioni di Petersberg: si tratta di missioni umanitarie e di soccorso, di attività di mantenimento della pace e di missioni di unità di combattimento nella gestione di crisi, ivi comprese le missioni tese al ristabilimento della pace. Il Consiglio europeo ha stabilito a tal fine che l'Unione deve avere la capacità di condurre azioni in modo autonomo, potendo contare su forze militari credibili, sui mezzi per decidere di farle intervenire e sulla disponibilità a farlo, al fine di rispondere alle crisi internazionali lasciando impregiudicate le azioni della NATO. Il nuovo Trattato di Nizza, entrato in vigore il 1° febbraio 2003, contempla nuove disposizioni in materia di PESC. In particolare esso estende il numero di settori disciplinati dal voto a maggioranza qualificata e rafforza il ruolo del Comitato politico e di sicurezza nelle operazioni di gestione delle crisi. Ha introdotto anche in questo settore la possibilità di avvalersi di cooperazioni rafforzate. 17 Per un’analisi della PESC e delle procedure operanti nel secondo pilastro, consultare il sito della UE, http:// www.eu.int./pesc/default.asp?lang=it.

Anteprima della Tesi di Martina De Martino

Anteprima della tesi: Diritto comunitario e diritto penale: la domanda di tutela comunitaria e l'offerta nazionale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Martina De Martino Contatta »

Composta da 282 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9901 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.