Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''L'indole particolarmente malvagia'' del reo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 caratteristiche psicologiche e comportamentali: “Mancanza di senso morale, vanità, crudeltà, pigrizia, l’uso di un gergo da delinquente, una specifica insensibilità nervosa al dolore, con disprezzo della morte e della sofferenza, ed infine, un’inclinazione al tatuaggio”. E’ con la categoria del delinquente occasionale che Lombroso introduce la variabile socio-ambientale, come elemento attivatore/rilevatore di condizioni anormali, comunque congenite, fino a considerare probabile, negli ultimi anni della sua opera, un’ipotesi multifattoriale. Le critiche all’opera di Lombroso si basano, per lo più, sulla considerazione che la sua formazione medica lo aveva portato a trasferire in ambito criminologico un metodo e una strumentazione non pertinenti alla ricerca sociale, né adeguato alla complessità di un fenomeno non unitario, quale quello della criminalità. Successivamente anche l’antropologo americano E. Hooton (1939) riprende le teorie lombrosiane, sostenendo l’ipotesi dell’inferiorità biologica del criminale, ma la sua tesi incontrò aspre critiche nel mondo scientifico.

Anteprima della Tesi di Erika Raffaella Santacroce

Anteprima della tesi: ''L'indole particolarmente malvagia'' del reo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Erika Raffaella Santacroce Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5372 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.