Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gruppi, coesione e leadership informale. Un'indagine empirica nella pallavolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Il gruppo è qualcosa di diverso dalla somma dei suoi membri: è una totalità dinamica, emergente dall’interazione delle forze positive e negative presenti in esso; è un’entità dinamica che si stabilizza intorno ad un equilibrio risultante da forze contrastanti e continue. E’, in altre parole, un campo psicologico-sociale che ha struttura propria, fini e relazioni particolari e interdipendenti, tali per cui, un cambiamento di un elemento comporta una modificazione di tutti gli altri elementi che costituiscono il gruppo. Asch (1951) e Sherif (1967) nei loro studi, trovarono che la realtà dei gruppi emerge dalle percezioni comuni che le persone hanno di se stesse in qualità di membri della stessa unità sociale e nelle varie relazioni reciproche all’interno di tale unità. Per “essere gruppo” non basta essere con altri in una situazione, ma occorre sentirsi “nel gruppo”, avere cioè la sensazione soggettiva che altri sono insieme a noi in una determinata situazione. I membri di un gruppo si definiscono tali quando il loro agire è condizionato da un sentimento di appartenenza, che alcuni autori hanno definito “sintalità” (Cattel, 1948; Del Corno e Spaltro, 1976) e che corrisponderebbe al concetto di personalità per il singolo. Tale sentimento non è però immediato, come ci fanno notare Kenklin e Aretino (1993), perché gli individui che stanno con altri individui hanno un profondo bisogno di appartenenza e di “sentirsi parte di un’unità”, ma hanno anche il bisogno opposto di tutela della propria identità (indipendenza) ed affermazione di sé. Siamo in presenza di forze contrastanti che sanciscono o meno l’appartenenza ad un gruppo. Proprio per questi continui conflitti, per queste forze che spingono l’uomo ad appartenere o essere indipendente, c’è sempre nel gruppo un enorme impegno emotivo, a dispetto dei fini e delle attività, per le quali le persone sono oggettivamente impegnate nello stare

Anteprima della Tesi di Gaia Luzzi

Anteprima della tesi: Gruppi, coesione e leadership informale. Un'indagine empirica nella pallavolo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Gaia Luzzi Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10091 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.