Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Perché Commercio Equo e Solidale? 10 La situazione dell’Africa Meridionale è, invece, intermedia: la povertà è passata dal 44% al 40%; nell’America Latina e nei Carabi i tassi sono rimasti pressoché identici, mentre nell’Europa dell’Est e nell’Asia centrale sono addirittura peggiorati. Da tutto ciò si evince che il miglioramento della povertà tra il 1990 ed il 1998 è dovuto quasi esclusivamente alle sorprendenti performance della Cina (Besley e Burgess, 2003). 1.1.2 Disuguaglianza La disuguaglianza fa riferimento alla distribuzione del benessere tra individui/famiglie (Helg e Debenedictis, 2001). Tale concetto è talmente sfaccettato da riuscire a condurre a risultati opposti, a seconda di quale accezione se ne stia privilegiando. E’ per questo che Milanovic, in un suo trattato, tiene a sottolinearne la trivalenza: ξ Disuguaglianza tra paesi non ponderata: tale concetto considera il paese come unità di osservazione, utilizza il suo reddito (o GDP 3 ) pro capite e trascura l’entità della sua popolazione, comparando individui campione da tutte le nazioni del mondo. Tutti i paesi, dunque, piccoli o grandi che siano, hanno lo steso peso. Immaginiamo un pianeta composto da ambasciatori di duecento paesi del mondo, ognuno dei quali porta con sé un biglietto su cui è annotato il GDP pro capite della nazione di provenienza. Tali ambasciatori verranno allineati in scala, dal più povero al più ricco e la disuguaglianza verrà calcolata in base a tale allineamento. Tale disuguaglianza non è ponderata, poiché ogni paese ha lo stesso peso. A questo punto diventa, però, ragionevole sostenere che, se un paese come la Cina diventa più ricco, ciò ha un maggiore impatto sul mondo piuttosto che se fosse la Mauritania ad arricchirsi. Giungiamo, così, al secondo concetto. 3 GDP è l’acronimo di Gross Domestic Product, che coincide con il nostro PIL.

Anteprima della Tesi di Eliana Irato

Anteprima della tesi: Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Eliana Irato Contatta »

Composta da 364 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7793 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.