Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La somministrazione di lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 La flessibilità negativa del decreto legislativo n. 276/2003 ha fatto emergere le due facce della precarizzazione di somministrazione della manodopera, distinguendola in mercificazione debole – tipica nella fattispecie del contratto a termine – e forte – tipica della fattispecie interpositoria – 9 . L’ascesa della cd. tendenza espansiva del diritto del lavoro è incentrata nella fattispecie costruita sul concetto formale di subordinazione del lavoratore, che supera la connotazione originaria di operaio industriale standard e tende a ricomprendere tutte le figure di lavoro alle dipendenze altrui 10 e non, emerse sia dai servizi di nuova generazione ma anche dal cambiamento organizzativo delle risorse umane che il nuovo processo produttivo richiede, anche se tipicamente industriale, quali: l’utilizzo temporale richiesta dalla prestazione lavorativa e la dissociazione del datore di lavoro – formale e sostanziale. La storia del diritto del lavoro in Italia: nascita, sviluppo, espansione e contrazione sino ad oggi, in cui regna l’incertezza sul suo futuro: fine o modernizzazione 11 ; l’andamento di tale fenomeno è figurato dalla parabola 12 , in cui l’inizio del diritto del lavoro si identifica con una linea ascendente che trova la sua punta massima d’importanza o di sviluppo nella rigidità della normativa giuslavoristica mentre la fine la si ravvisa nella linea discendente del diritto del lavoro acquisita con le normative ri-regolative alla regola principe, sino a toccare il fondo con la flessibilità sic et simpliciter del D. lgs. n. 276/2003, incentrata sulla de-regolazione della normativa vincolistica, abrogando normative cardini del diritto del lavoro. La modernizzazione del diritto del lavoro è frutto di una inversione di tendenza della questione sociale, essa si realizza attraverso la trasparenza e l’efficienza del mercato del lavoro, attuando non una de-regolamentazione, ma bensì una regolamentazione di una nuova istanza sociale fraudolenta 13 . Da ciò si deduce che la legislazione antifraudolenta degli anni ’60 mirata agli interventi degli operatori privati nella fase di incontro tra domanda e offerta di lavoro, diventa oggi, una delle principali cause del dilagare delle forme parassitarie e fraudolente di intermediazione nei rapporti di lavoro 14 . 9 Si v. P.G. Alleva, G. Naccari “I volti del precariato e la mercificazione del lavoro. Prima nota sul decreto applicativo della legge 30/2003”, www.cgil\giuridico\attualità. 10 L. Mengoni in “Il contratto individuale di lavoro”, DLRI, N. 86, 2000, 2, p. 184. 11 Sul punto M. Biagi “Competitività e risorse umane: modernizzare la regolazione dei rapporti di lavoro”, R.I.D.L, 2001, I. 12 Si v. G. Cannella ”La parabola del diritto del lavoro”, www.unicz\lavoro\Novita.it. 13 Nuova concezione del termine fraudolento, in: Relazione di accompagnamento al decreto di attuazione della riforma Biagi, www.minwelfare.it. 14 Ibidem, spec. p. 9.

Anteprima della Tesi di Antonia Pulpito

Anteprima della tesi: La somministrazione di lavoro, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonia Pulpito Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10924 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.