Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti della innovazione finanziaria sul mercato del vino: il caso italiano.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 precedente al tracollo economico finanziario che ha colpito il paese. Un altro Stato sudamericano che si sta prepotentemente affermando nel panorama mondiale vitivinicolo è il Cile, da qualche anno infatti, questo Paese, sta conducendo un'importante opera di riconversione degli impianti. Viene abbandonata la coltivazione dei vitigni autoctoni, perché di scarso interesse commerciale, ed introdotta quella dei quattro vitigni più diffusi ed economicamente significativi a livello mondiale: 1) il Merlot, 2) il Cabernet, 3) lo Chardonnay, 4) il Sauvignon. L'aumento delle superfici vitate si registra anche nei Paesi dell'Oceania, continente a vocazione vinicola di recente formazione, grazie soprattutto al traino dovuto all'espansione dei vigneti nelle terre australiane. Per questo Paese si prevede, infatti, che per il 2004-2005 le superfici vitate raddoppieranno rispetto ai 72 mila ettari censiti nel 1997 e di cui circa il 55% coltivato con viti a bacca rossa. Va sottolineato che all'inizio degli anni '70 in Australia gli ettari investiti a vigneto erano poco più di 50 mila e che il dato previsionale riportato sopra, pur essendo in assoluto non particolarmente elevato, è indicativo del crescente interesse nutrito dal settore per il vino australiano. Il processo espansivo delle superfici agrarie investite a vigneti si rileva pure nel continente africano e specialmente nel Sudafrica, il principale Paese produttore viticolo africano. In questo stato i vigneti hanno raggiunto l'estensione dei 122 mila ettari nell'anno 2000 ed il merito è da reputarsi principalmente all'avvenuta soppressione dell'embargo internazionale che ha consentito all'agricoltura sudafricana di riprendersi e iniziare a svilupparsi. Nel trentennio che va dal 1970 al 2000, analogamente a quanto accaduto per le superfici vitate, si registra un trend complessivo discendente, di lieve entità, anche per le produzioni vinicole. Dal 1970 al 1987 i volumi mondiali sono scesi poche volte sotto i 30 milioni di tonnellate, raggiungendo un massimo di 37,5 milioni nel 1979 ed un minimo di

Anteprima della Tesi di Mirko Celani

Anteprima della tesi: Gli effetti della innovazione finanziaria sul mercato del vino: il caso italiano., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mirko Celani Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9145 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.