Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti della innovazione finanziaria sul mercato del vino: il caso italiano.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 27 nel 1972. In particolare, dalla fine degli anni '80 in poi la produzione si è attestata tra i 25 e i 29 milioni di tonnellate. Al di là del dato complessivo è interessante analizzare come la struttura della produzione vinicola mondiale non sia variata molto negli ultimi trenta anni. Fig. 1.2 – Evoluzione della produzione di vino (migliaia di tonnellate). 0 5000 10000 15000 20000 25000 30000 35000 40000 1 9 7 0 1 9 7 2 1 9 7 4 1 9 7 6 1 9 7 8 1 9 8 0 1 9 8 2 1 9 8 4 1 9 8 6 1 9 8 8 1 9 9 0 1 9 9 2 1 9 9 4 1 9 9 6 1 9 9 8 2 0 0 0 p r o d u z i o n e d i v i n o ( m i g l i a i a d i t o n n e l l a t e ) U.E. Mondo America Fonte: elaborazione Ismea su dati Fao. In figura 1.3 è rappresentata la ripartizione mondiale di vino nel decennio 1991- 2000, l'Unione Europea risulta essere la prima produttrice mondiale di vino, la quota comunitaria rispetto alla produzione complessiva è scesa, infatti, solo due volte sotto la soglia del 60% sul totale mondiale. Anche se negli ultimi trenta anni le produzioni di Francia ed Italia sono diminuite, i due Paesi detengono da soli circa il 44% della produzione mondiale e si alternano in testa alla graduatoria dei produttori, non solo all'interno dei confini comunitari ma anche a livello mondiale. Per la Francia la tendenza negativa è consolidata: il Paese è passato progressivamente da una media di 7 milioni di tonnellate di vino prodotto negli anni '70, alle 6,7 degli anni '80, per raggiungere i 5,7 milioni di tonnellate negli ultimi dieci anni. Nello stesso arco di tempo l'Italia invece ha evidenziato dapprima una fase di crescita, passando da 7 a 7,2 milioni di tonnellate e poi una fase di drastica riduzione che l'ha portata ad attestarsi mediamente attorno a 5,9 milioni di tonnellate. Al terzo posto tra i maggiori Paesi produttori si trova la Spagna, con un volume di vino prodotto che si attesta mediamente sopra i 3

Anteprima della Tesi di Mirko Celani

Anteprima della tesi: Gli effetti della innovazione finanziaria sul mercato del vino: il caso italiano., Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mirko Celani Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9144 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.