Skip to content

San Francesco alla corte del sultano. Fallimento del dialogo interreligioso all'alba del XIII secolo?

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 La seconda crociata (1145-48), difatti, viene a seguito del risveglio dell’Islam: il governatore di Mossul, ‘Imād ad-Dīn Zengī, ottiene un reale sostegno popolare al suo appello alla jihād e riesce a conquistare Edessa, la capitale del primo stato fondato dai franchi in Oriente. Gli eserciti che si schierano in campo per l’Occidente sono quello tedesco di Corrado III e quello francese di Luigi VII. Le forze tedesche vengono rapidamente annientate nel 1147 e l’anno seguente la fanteria franca subisce lo stesso destino. I contingenti rimasti, riunitisi a Gerusalemme, decidono di attaccare Damasco ma, alla notizia dell’avvicinarsi dell’esercito nemico, fuggono ignominiosamente. L’ideale crociato sembra morire sotto il mare di critiche e l’accusa della sconfitta come castigo divino per i peccati commessi dai crociati. Ma il 1187 è una data cruciale: il Saladino (Salāh ad-Dīn Yūsuf ibn Ayyūb), unificatore dell’Egitto e della Siria e padrone dell’Iraq, annienta l’esercito franco ad Hattīn e riconquista facilmente Gerusalemme. La chiamata alle armi di Clemente III per la terza crociata (1188-92) è ascoltata dall’Imperatore Federico Barbarossa, dal re d’Inghilterra Riccardo Cuor di Leone e dal sovrano capetingio Filippo Augusto. Come nella crociata precedente il basileus di Costantinopoli crea difficoltà al passaggio dei soldati tramando persino il tradimento ma viene scoraggiato dalle minacce dei crociati. Dopo un promettente avvio però l’esercito tedesco è costretto a rinunciare: Federico Barbarossa muore annegato durante un guado in Cilicia. L’esercito franco di Filippo invece ritorna in patria dopo aver liberato San Giovanni d’Acri, che sarà per i cent’anni a venire la capitale del secondo Regno Latino, senza però tentare di spingersi oltre. Resta solo l’esercito inglese di Riccardo: dopo una serie di esaltanti vittorie che lasciano libera la strada per Gerusalemme e che spingono il Saladino a proporre uno stato misto franco-musulmano con Gerusalemme città aperta, all’ultimo il re inglese preferisce impadronirsi di una ricca carovana proveniente dall’Egitto piuttosto che sferrare il colpo decisivo. Smanioso di ritornare in patria dove suo fratello, Giovanni Senza Terra, trama contro di lui, conclude una pace frettolosa in cui viene riconosciuto il nuovo stato latino e l’accesso a Gerusalemme è garantito ai pellegrini disarmati. L’esito perciò è miserevole: la città santa è ancora in mano ai musulmani e il Regno Latino è ridotto a una lingua di terra affacciata sul mare.
Anteprima della tesi: San Francesco alla corte del sultano. Fallimento del dialogo interreligioso all'alba del XIII secolo?, Pagina 12

Preview dalla tesi:

San Francesco alla corte del sultano. Fallimento del dialogo interreligioso all'alba del XIII secolo?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Linda Sezzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Valentina Colombo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi