Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipazia: un delitto insoluto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 1. IL “GIALLO” IPAZIA La storia di Ipazia d’Alessandria mi interessa e mi affascina dal 1995, quando per caso ho trovato in casa mia un libro su di lei. Si trattava di Ipazia. La prima martire della libertà di pensiero di Augusto Agabiti, un testo di cui nel corso degli anni avrei appreso a notare i molteplici e grossolani errori, del resto segnalati chiaramente già nell’introduzione critica di Emilia Rensi, che quella volta saltai a piè pari. Non hanno però qui interesse gli errori contenuti in quel libretto . Lo lessi tutto d’un fiato, e da quel momento il “tarlo” 1 sulla figura di Ipazia non mi ha mai lasciata. Ho poi scoperto che Ipazia suscitò in molti e molte lo stesso fascino: il “giallo” connesso alla sua tragica morte, nel contesto della repressione della cultura tradizionale ellenica da parte della nuova classe dirigente episcopale del IV-V secolo, la sua fama di grande scienziata, la sua statura etica e politica, la sua decantata bellezza, sembrano ingredienti ideali per la costruzione di opere letterarie o poetiche 1 Scopro oggi che Mario Luzi, chiedendosi il perché del suo poemetto drammatico Ipazia, scrive “ Perché Alessandria, perché Ipazia, perché Sinesio? …Se il prologo fosse una poesia autonoma lo intitolerei Rovello” . [ Luzi (1978) pp. 42-43]

Anteprima della Tesi di Nicoletta Bertorelli

Anteprima della tesi: Ipazia: un delitto insoluto, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Nicoletta Bertorelli Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3460 click dal 26/05/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.