Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Il value based management e il valore economico 11 continua a sostenere i costi per il loro mantenimento e sviluppo, è possibile che i valori di avviamento e marchio acquisito aumentino di valore nel tempo. Il modello contabile tende, invece, ad annullare progressivamente tale valore, tramite il processo d’ammortamento: il bilancio, ricordiamolo, si basa essenzialmente su stime prudenziali. Tutto ciò accade anche a causa delle “interferenze” fiscali del bilancio, che fanno sì che le imprese che producono redditi elevati abbiano convenienza a “spesare” tali costi. • Se per alcuni costi – quelli relativi all’accumulazione di capitale intellettuale – il modello contabile è, da un certo punto di vista, troppo prudente, per un particolare costo opportunità – quello del capitale investito dagli azionisti – esso non ne fa menzione. Questo per una ragione molto chiara: l’impossibilità di tenere conto in modo attendibile di un costo figurativo (un costo opportunità che non si manifesta in termini monetari diretti), qual è il costo del capitale proprio. E’ indubbio, però, che gli azionisti, nel momento in cui investono il loro capitale nell’azienda, si attendono una certa remunerazione, tendenzialmente più elevata di quella degli altri finanziatori, a causa del maggior rischio che essi corrono nel legare le vicende di una parte della loro ricchezza alle dinamiche future dell’impresa. Nel modello contabile non si tiene conto di questo, se non attraverso l’apprezzamento della redditività del capitale proprio (ROE), che deve essere però valutata alla luce del livello di rischio d’impresa. Un conto è realizzare un ROE del 15% da parte di una grande impresa consolidata (si pensi all’ENI), un altro da parte di una nuova, piccola impresa il cui futuro è tutto da costruire. Il “valore” del primo ROE è probabilmente più “elevato”. Di questo è sostanzialmente difficile tenere conto nel modello contabile. A partire dall’evidenziazione di tali limiti e dalla proposta di rinnovati principi e strumenti di misurazione è sorto recentemente un filone, operativo e tecnico, che propone di utilizzare il concetto di valore economico creato dall’azienda, a

Anteprima della Tesi di Alberto Zanatta

Anteprima della tesi: Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Zanatta Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2904 click dal 04/05/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.