Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme e scenari futuribili della Televisione Digitale Terrestre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1.2 Libro Bianco sulla televisione digitale terrestre. Il 1998 è l'anno in cui l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni costituisce un comitato per lo sviluppo dei sistemi digitali allo scopo di definire obbiettivi, condizioni e modalità per lo sviluppo in Italia della tecnologia digitale e dei nuovi servizi. Il comitato istituisce quattro gruppi di lavoro ai quali delega rispettivamente quattro aree tematiche di studio: requisiti di servizio e standard di qualità ( gruppo A), architettura delle reti con relativi costi di realizzazione ( gruppo B), standard del decoder per la fruizione dei servizi in tecnica digitale (gruppo C), proposte e scenari operativi per l'avvio della televisione digitale terrestre (gruppo D). Il risultato del lavoro svolto dai quattro gruppi è la realizzazione del Libro Bianco sulla televisione digitale terrestre. Dalla lettura di questo testo, oltre agli aspetti tecnici che saranno opportunamente trattati nel capitolo successivo, risulta interessante lo studio di due scenari operativi utili allo sviluppo della DTT 1 . Nel primo si pone particolare attenzione alle politiche di intervento a fronte dell'attuazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze (PNAF) che regolamenti il passaggio dalla situazione odierna, interamente analogica e non pianificata ad una futura di "Piano digitale"utile ad una ottimizzazione dello spettro delle frequenze disponibile. Il secondo scenario identifica uno schema di sviluppo a " macchia di leopardo attuabile attraverso l'introduzione del servizio digitale in quelle aree, in particolare i grandi centri urbani, dove già si rendono disponibili o è possibile reperire risorse in termini di frequenza. Allo scopo di fornire alcune linee guida agli operatori del settore, il Libro Bianco riporta i risultati di alcuni esercizi di pianificazione della DTT effettuati con riferimento a possibili scenari introduttivi su base " nazionale " e " regionale ". 1 DTT (Digital Terrestrial Television): termine utilizzato per definire il concetto di Televisione Digitale Terrestre.

Anteprima della Tesi di Fabio Capuano

Anteprima della tesi: Forme e scenari futuribili della Televisione Digitale Terrestre, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Fabio Capuano Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9762 click dal 04/05/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.