Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Demanio e patrimonio pubblici. Gli elementi della rifoma, aspetti fiscali e tributari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Demanio e patrimonio dello Stato 4 dei beni pubblici, ricorrono ulteriori definizioni in altre norme della legislazione vigente in materia, risulta indispensabile fornire una interpretazione dei termini utilizzati, al fine di ridurre il rischio di equivoci terminologici. Utile allo scopo è lo sforzo che la dottrina nel tempo, ha realizzato per dare una definizione univoca di beni demaniali e beni patrimoniali indisponibili. Le più risalenti nel tempo tra le teorie della dottrina, sono quelle che consideravano i beni demaniali quasi come res nullius o res omnium communes, sui quali di conseguenza, non essendo riconosciuta alcuna facoltà in capo all’ente pubblico in merito all’uso ed il godimento, era riconosciuta una mera sovranità ed esclusivamente poteri di polizia. I beni patrimoniali, invece, erano assimilati alla proprietà privata. Di più recente elaborazione sono, di certo, le teorie cosiddette tradizionali, che vengono solitamente distinte in oggettive e soggettive, a seconda che, ai fini dell’attribuzione della qualità di pubblico al bene, facciano riferimento alla destinazione, all’utilizzo o al fine pubblico cui esso è destinato o, piuttosto,

Anteprima della Tesi di Luisa Sellitti

Anteprima della tesi: Demanio e patrimonio pubblici. Gli elementi della rifoma, aspetti fiscali e tributari, Pagina 2

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luisa Sellitti Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1994 click dal 05/05/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.